in

Nella foto: bambina britannica di cinque anni rapita dal padre e portata in Slovacchia dove non le è permesso parlare con la madre sconvolta da ottobre

Nella foto: bambina britannica di cinque anni rapita dal padre e portata in Slovacchia dove non le è permesso parlare con la madre sconvolta da ottobre


Un giudice dell’Alta Corte ha compiuto il passo insolito di dare il nome a una bambina britannica rapita da suo padre e portata all’estero nel tentativo di riportarla a casa.

Elena Smolik, cinque anni, è stata portata in Slovacchia l’anno scorso dal padre Rastislav, 33 anni, con doppia nazionalità, e da allora non è più stata più vista, lasciando sua madre Wiem Bejaoui con il cuore spezzato.

Nonostante i ripetuti tentativi di contattare la figlia, Wiem, 26 anni, non riesce a parlare con lei da ottobre e i parenti di Smolik affermano di non avere idea di dove sia.

In un’udienza all’Alta Corte, il giudice Francis ha permesso che le parti fossero nominate e nella sua sentenza di cinque pagine ha affermato che si trattava di un “caso molto grave di rapimento di minori”, aggiungendo che credeva che fosse “pianificato”.

E continuò: “È spaventoso, è terribile che la madre sia privata del figlio, ma è ancora peggio che il bambino sia privato della madre”.

Il giudice Francis ha aggiunto: “Non so cosa sappiano o cosa gli sia stato detto dalla sua famiglia o dai suoi amici.

«Mi piacerebbe pensare che la maggior parte delle persone di mente giusta rimarrebbero sconvolte all’idea che un padre trattenga la figlia in un paese straniero – che dopo tutto è ciò che la Slovacchia rappresenta per Elena.

“Spero che suo padre sarà convinto, perfino svergognato, ad accettare che Elena ritorni in questo paese – questo paese è il paese di residenza abituale di Elena.”

Smolik, cinque anni, è stata portata in Slovacchia l’anno scorso dal padre Rastislav, 33 anni, con doppia nazionalità, e non è stata più vista da quando ha lasciato sua madre Wiem Bejaoui, 26 anni, con il cuore spezzato

Elena Smolik, cinque anni, è stata portata in Slovacchia l'anno scorso dal padre Rastislav, di 33 anni, con doppia cittadinanza

Elena Smolik, cinque anni, è stata portata in Slovacchia l’anno scorso dal padre Rastislav, di 33 anni, con doppia cittadinanza

Elena è raffigurata mentre guida uno scooter rosa

Elena è raffigurata mentre guida uno scooter rosa

La sentenza descrive come Smolik e Wiem, che hanno il permesso di soggiorno in Gran Bretagna, si siano incontrati nel 2018 sui social media, poi si siano sposati ed Elena sia nata a Londra nel 2019.

Quattro anni dopo la relazione ha iniziato a rompersi e nell’ottobre dello scorso anno, l’addetto all’ospitalità Smolik ha detto che avrebbe portato Elena a visitare i parenti in Slovacchia.

Wiem, nata in Tunisia, ha accettato una breve visita durante la metà del semestre, ma poi il giorno in cui Elena sarebbe dovuta tornare, il 1° novembre, suo marito ha chiamato e ha detto che erano stati ritardati perché aveva “perso” il passaporto della figlia.

Ma da allora non ha nemmeno parlato con sua figlia e tutti i tentativi di contattare Smolik tramite i suoi parenti che lei conosce sono stati ostacolati.

Scoppiando in lacrime, Wiem ha detto a MailOnline: ‘L’ultima volta che ho sentito Elena è stato a novembre quando mi ha parlato del passaporto e poi il giorno dopo suo padre mi ha mandato un messaggio dicendomi che voleva restare qui e poi mi ha bloccato.

‘Ho chiamato sua sorella, suo fratello, i suoi genitori, tutta la sua famiglia che conosco e non vogliono parlarmi, ignorano le mie domande su Elena.

“Non credo che abbia perso il passaporto e così ho chiamato la polizia e mi hanno detto che sarebbero andati nell’appartamento e avrebbero trovato suo padre che diceva che era nel Regno Unito e viveva con sua moglie e sua figlia, il che non è vero .

‘Mentivano, so che è ancora in Slovacchia con Elena, vivono in un posto rurale in montagna, è molto facile nascondersi e non so come sta e se andrà a scuola.

“È stato così difficile per me, rivoglio solo Elena, cerco di non piangere ma non è facile, era il suo compleanno qualche giorno fa e non sai quanto sia stato difficile.

“Mi manca così tanto, è così chiacchierona ed è sempre al mio fianco, senza di lei con me, la vita è così dura, ha bisogno di me e la rivoglio indietro.

Amy Rowe, di Dawson Cornwell, che rappresenta Wiem, ha detto: “Questo è un grave caso di rapimento di minori, e i genitori spesso non apprezzano l’effetto devastante che il rapimento ha su un bambino, soprattutto se viene loro impedito di vedere e parlare con il bambino”. altro genitore.

“Esiste un consenso internazionale sul fatto che i bambini debbano essere protetti dagli effetti dannosi della sottrazione di minori da parte dei genitori attraverso il loro rapido ritorno nel loro paese d’origine, dove i tribunali sono nella posizione migliore per prendere decisioni sul loro futuro.

“Wiem non può permettersi di incaricare un avvocato in Slovacchia di avviare un procedimento per il ritorno di Elena e comprendiamo che l’assistenza legale non è disponibile.

‘È estremamente difficile per i genitori affrontare da soli il processo legale, in particolare quando non parlano la lingua o non capiscono il processo legale in un paese straniero.

Facciamo eco alle richieste di Wiem affinché Rastislav Smolik riporti Elena in Inghilterra.

“Se crede che ci siano ragioni per cui Elena dovrebbe essere trasferita a vivere in Slovacchia, allora dovrebbe presentare il caso nel modo corretto al tribunale della famiglia inglese.”

Il passaporto di Smolik è visibile in questa immagine con i dettagli oscurati

Il passaporto di Smolik è visibile in questa immagine con i dettagli oscurati

Michael Polak, avvocato presso la Church Court Chambers e direttore della giustizia all’estero, anch’egli rappresentante della madre, ha dichiarato: “È impossibile comprendere il dolore e la confusione che la situazione attuale deve causare ad Elena, che viveva felicemente con sua madre a Londra”. prima di essere improvvisamente trattenuti ingiustamente in Slovacchia.

«Rapire Elena è già scioccante, ma negare completamente il suo contatto e l’amore di sua madre è abominevole.

“L’azione del padre in questo caso, di portare un bambino all’estero con il permesso, ma poi tenerlo lì senza di esso, è una chiara violazione degli ordini della corte inglese relativi alla cura di Elena.

‘Sfortunatamente, il trattenimento illegittimo non è un reato penale secondo la legge britannica, ed è necessario prendere in considerazione la possibilità di modificare questa situazione per aiutare a prevenire ulteriori casi come questo.

Chiunque abbia informazioni sulla posizione di Elena dovrebbe contattarci in modo confidenziale per contribuire a porre fine a questo incubo sia per la madre che per la figlia.

“Abbiamo chiesto alla Polizia Metropolitana di richiedere l’emissione di un avviso giallo INTERPOL per Elena come persona scomparsa, poiché ciò potrebbe comportare la rapida localizzazione della bambina.”

Wiem ha creato una pagina di crowdfunding per aiutarla a finanziare la sua lotta per riavere sua figlia.

I dettagli sono qui:

https://www.gofundme.com/f/zgbp47-help-me-get-my-daughter-back?utm_source=whatsapp&utm_medium=social&utm_campaign=p_lico+share-sheet-first-launch&attribution_id=sl:dcd0c37d-d82e-40ea- 97ce-5829ec0a7701

#Nella #foto #bambina #britannica #cinque #anni #rapita #dal #padre #portata #Slovacchia #dove #permesso #parlare #con #madre #sconvolta #ottobre



Leggi di più su daily mail

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Porta un Amico in TIM fisso: nuovo sconto per le offerte della gamma WiFi Casa – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia

Porta un Amico in TIM fisso: nuovo sconto per le offerte della gamma WiFi Casa – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia

Sui campi del Tennis Club Riccione è tempo di finali per il Super Next Gen giovanile

Sui campi del Tennis Club Riccione è tempo di finali per il Super Next Gen giovanile