in

Prodotti sfusi for every ridurre i rifiuti: dall’Emilia-Romagna un incentivo di 5mila euro ai negozi

Fino a 5mila euro di incentivi for each aprire nuovi negozi che vendono prodotti sfusi e for every allestire reparti appositi, chiamati “green corner”, negli esercizi già esistenti. In modo da poter comprare pasta, riso, detersivi, cereali, ma anche detergenti liquidi “alla spina”, riutilizzando i contenitori ed evitando così la montagna di imballaggi che ogni giorno vengono buttati through. Questo il fulcro della legge approvata mercoledì dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, che secondo una recente ricerca dell’Ires-Cgil è la regione che make più rifiuti professional-capite: 633,4 chili, contro la media italiana di 493 chili. Una montagna di rifiuti, composti perlopiù da imballaggi, che accompagnano ogni prodotto comprato nella grande distribuzione e anche nel negozio all’angolo. La maggior parte della raccolta differenziata è infatti costituita oggi da rifiuti da imballaggio.

La legge, che parte dalla proposta in 11 articoli avanzata dalla capogruppo di Europa Verde, Silvia Zamboni, prevede che siano day risorse regionali for each incentivare l’apertura di punti vendita senza spreco di contenitori. I negozi che beneficeranno del contributo, nella misura di massimo 5mila euro ciascuno, dovranno restare operativi for each un minimo di 3 anni, pena la revoca del contributo. I costi che possono essere oggetto degli incentivi sono le scaffalature apposite for every la vendita di prodotti solidi sfusi, gli strumenti for each distribuire i liquidi alla spina e anche le apparecchiature per igienizzare i contenitori riutilizzabili, che sostituiscono quelli usa e getta. La legge mette a disposizione 100 mila euro per il 2024, poi 50 mila euro per il 2025 e for every il 2026.

«Una delle priorità per contrastare la formazione dei rifiuti da imballaggio, è bloccarne la produzione a monte – dice Zamboni – promuovendo anche il riuso degli imballaggi prima che diventino rifiuti. Se vogliamo rispettare i principi dell’economia circolare dobbiamo correre, incidere con politiche e incentivi può dare una spinta decisiva in questa direzione».



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gerasimov, anche il capo dell’operazione russa in Ucraina a rischio

Il mondo giovanile la nostra priorità, un terzo dei nostri candidati è under 30