in

Storia di Yakinop, il re italiano di Google Maps: chi è, cosa fa, occur lo fa. E perché (non) teme le IA


Il padre di Yakinop è marocchino, la mamma è di origine napoletana, lui è nato e ha vissuto i primi anni della propria vita a Bolzano, poi si è trasferito a Milano e adesso sta a Roma. Per ora basta, perché “per ora non mi sposto più molto”, arrive ci ha detto con un sorriso durante la nostra chiacchierata.

Non si sposta più molto nel mondo reale, ma forse il viaggio lo ha in qualche modo scritto nel sangue, visto che Yakinop, il cui vero nome è Yassin En Naimi, è uno dei più grandi esperti e frequentatori di Google Maps al mondo. E quindi si sposta eccome, anche se virtualmente.

Stati Uniti

Chi è l’uomo che vuole comprarsi TikTok (che però non vuole vendere)


tiktok: un video clip che mostra le capacità di Yakinop

È sindaco grazie a Fortnite

Lo abbiamo incontrato perché Yakinop è uno degli 8 protagonisti di Muoversi Liberamente, il podcast di Q8 dedicato a innovazione negli spostamenti, sostenibilità e futuro. Si ascolta sulle principali piattaforme ed è condotto da Carolina Di Domenico e for every il 33enne creator digitale è stato ovvio accettare di partecipare: “Mi hanno cercato in un momento in cui non stavo pubblicando molto e quindi ero un po’ lontano dai riflettori, ed è una cosa che ho apprezzato – ci ha spiegato – E poi il filo conduttore è muoversi liberamente e trovare modi alternativi di viaggiare, e quali viaggi sono più alternativi dei miei nei mondi virtuali?”.

Yakinop, che ha quasi mezzo milione di follower su TikTok, oltre 100mila su Instagram e più di 70mila su YouTube, ha in realtà iniziato tutto su un’altra piattaforma ancora, che è anche quella cui si deve il soprannome del suo soprannome. Quando gli abbiamo chiesto perché on the internet è conosciuto sia come Yakinop sia occur Il Sindaco, l’ha ricordato con noi: “La prima parola viene da Yaki, che era il nomignolo che mi aveva dato la mia madrina quando ero piccolo, mentre la seconda è colpa di Fortnite”. In che senso? “Fra 2019 e 2020 ho iniziato a fare streaming di videogiochi su Twitch (qui i follower sono oltre 130mila, ndr) e sono partito da Fortnite, che all’epoca period già molto popolare. E completamente for each caso, il mio personaggio scendeva e cominciava a combattere sempre nella stessa città. Sempre la stessa, fra le tante che possono capitare nel gioco. E quando le persone hanno iniziato a notarlo, a scherzare e a prendermi in giro, alludendo al fatto che fossi il sindaco di quella città, ho deciso di tenere quel nickname e farlo mio”.

Oggi Yakinop ha un po’ abbandonato i videogiochi e la maggior parte della sua attività sui social la dedica a quello che l’ha fatto diventare famoso: semplificando, scoprire dove stanno davvero i posti ritratti in una foto pubblicata on the net. For each esempio, le persone lo sfidano a individuare il luogo nel mondo reale che è ritratto in un captcha (di quelli che “seleziona tutti i riquadri in cui compare una bici”) e lui risale al Paese, alla città, alla by using e all’incrocio esatto esaminando i cartelli, le targhe delle automobile, le ombre, la posizione del Sole, l’abbigliamento delle persone e una miriade di altri dettagli. Che solo in apparenza sono insignificanti.

Yakinop con Carolina Di Domenico

Yakinop con Carolina Di Domenico  

Da GeoGuessr ai social, una carriera iniziata for each caso

Lo fa su TikTok (e in misura minore su Instagram e YouTube), piattaforma che ha incominciato a usare fra 2018 e 2019, quando ancora si chiamava Musically: “Ho iniziato postando clip di me che giocavo a GeoGuessr (un gioco on the web in cui si deve appunto individuare il luogo in cui è stata scattata una foto, ndr) con risultati oggettivamente scarsi. Però facevano ridere, e ho continuato a postarle”. E poi? “Poi sono migliorato, non so nemmeno io come – ci ha confessato – Ho visto un ragazzo spagnolo che indovinava aiutandosi con Google Maps, period molto bravo e ho deciso di provare anch’io. E ho scoperto di essere bravo pure io”.

Secondo lui, parte del merito sta soprattutto nell’aver iniziato a usare il computer system molto presto, già alla great degli anni Novanta, quando “avevo appena 7-8 anni e trovare informazioni online period molto, molto più difficile di adesso”. Questa pratica lo ha sicuramente aiutato a non arrendersi e a diventare un bravo segugio, un bravo osservatore, un bravo detective. TikTok ha fatto il resto: “È la piattaforma su cui ho deciso di puntare e su cui ho deciso di concentrare tutti i miei sforzi perché ho capito subito che è quella che permette di raggiungere più facilmente il pubblico, di fare grandi numeri, di diventare popolare rapidamente. E perché secondo me è quella più facile e accessibile, soprattutto da quando hanno permesso la pubblicazione di video più lunghi”.

instagram: un esempio di buona azione fatta da Yakinop

Il take a look at

Verifica dell’età on line: appear funziona (davvero) sulle 9 piattaforme principali



La sfida con le intelligenze artificiali

Yakinop è diventato bravo quasi for each caso, o comunque si è scoperto bravo, ma adesso questo talento lo coltiva: “Mi alleno, studio, mi impongo delle sfide, mi tengo aggiornato sui nuovi strumenti utili for every fare quello che faccio, compresi quelli basati sull’intelligenza artificiale”. Quindi l’IA sta iniziando a invadere pure il campo dei geoguesser? “Non la uso per fare la ricerca inversa for each immagini (occur forse si potrebbe pensare, ndr) perché se l’origine di una foto è già recuperabile così, allora le mie capacità non servono – ci ha spiegato – Però uso ChatGPT for each organizzarmi il lavoro, for every velocizzare le ricerche, for each trovare più rapidamente, per esempio, le 10 città più distanti o più vicine a un posto su cui mi sto concentrando per risolvere un enigma”.

Non solo: “Ci sono già strumenti accessibili a tutti, come GeoSpy (che è questo) che provano a fare quello che faccio io, che funzionano abbastanza bene e che a volte utilizzo per avere conferma o smentita delle conclusioni cui sono arrivato”. In futuro, un uso che vorrebbe fare delle IA è sfruttarne le capacità for each raggiungere un pubblico più ampio: “Sto aspettando che calino i prezzi per traduzioni e lip-sync for every doppiare i miei video in inglese e spagnolo”, ci ha anticipato.

Questo è un obiettivo a breve termine, mentre quello a medio-lungo termine, per lui che oggi vive della sua attività sui social, eventualmente di contenuti sponsorizzati e di consulenze, è tutto da un’altra parte: “Entro 2-3 anni vorrei aprire una catena di mie escape space, che stanno andando fortissimo e for every cui c’è parecchia domanda”. E chissà se ci sarà Il Sindaco, ad aiutare le persone a muoversi più facilmente verso l’uscita. E a individuarla, soprattutto.

@capoema

 





Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tornano i campionati italiani di Salvamento, previsto l’arrivo di 500 atleti

Genitori scrivono a Mattarella: “I nostri figli manganellati. Chiediamo identificativo sulle divise”