in

Trappola burocratica per Matteo Falcinelli: “Visto americano revocato, ma così non potrà rientrare per il processo a luglio”

PERUGIA – A poche ore dal rientro in Italia, Matteo Falcinelli trova sulla sua strada lo stop della burocrazia. Allo studente italiano è stato revocato il visto per la permanenza negli Stati Uniti e, se dovesse lasciare il Paese, potrebbe non ottenere un nuovo permesso per rientrare in Florida per sottoporsi in tempo al programma di messa alla prova che la corte di Miami gli ha offerto per mettere fine alla vicenda giudiziaria iniziata nella notte tra il 24 e il 25 febbraio con il suo arresto da parte della polizia locale.

A comunicare l’intrigo burocratico che rischia di annullare il rientro in Italia dello studente della Florida International University è la madre, Vlasta Studenicova, come spiega come stamattina sia stato contattato dall’Ambasciata americana a Roma, che gli comunicava il provvedimento di revoca del visto da parte del Dipartimento di Stato americano. “Pertanto, – continua la madre del 25enne – se lui dovesse uscire dagli Stati Uniti, non potrebbe più rientrare”, prima di avere ottenuto un nuovo visto. Pertanto, se i tempi di rilascio del nuovo permesso si dovessero protrarre, Falcinelli potrebbe trovarsi impossibilitato a rispettare l’obbligo della corte della Florida “di rientrare negli Stati Uniti entro e non oltre il 1° luglio 2024”. In caso di inadempienza, infatti, si determinerebbe una “violazione dell’ordine della corte” e il programma di messa alla prova (Pti) “verrebbe annullato e Matteo sarebbe portato al processo criminale”.

La famiglia di Falcinelli aveva programmato il rientro in Italia per venerdì, a Roma, ma adesso Studenicova comunica che “stiamo cancellando i voli”, nell’attesa di “capire la situazione e decidere, con l’aiuto del Ministero degli Esteri, del Consolato” e del loro legale “quali sono i passi che dobbiamo fare”.

“La revoca del visto è una sanzione amministrativa automatica, che viene applicata alle persone che abbiano subito un fermo da parte della polizia”, spiega Francesco Maresca, avvocato della famiglia Falcinelli, precisando come il provvedimento non corrisponda in alcun modo a un ordine di espulsione dal Paese.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggio nella fabbrica delle idee di Dyson: come si passa dal progetto al prodotto finito

L’analista militare Kuperwasser: “Obbligatorio attaccare Rafah. È l’ultimo bastione di Hamas e non possiamo fermarci ora”