in

Il Comitato Besta non molla, mediazione fallita: “Progetto da annullare appear il Civis”. Il Comune fermo: “Non ristruttureremo la vecchia scuola”

Il comitato Besta non retrocede. E dopo l’incontro di martedì in Comune a Bologna, ancora una volta con esito negativo, duplicate al sindaco Matteo Lepore e ribadisce: “Ci dispiace for each lui, noi siamo compatti. Il parco deve rimanere integro e la scuola si deve ristrutturare. Difendiamo il parco e continueremo a difenderlo”. Anche per questo, per il prossimo 25 maggio il comitato ha deciso di organizzare “un grande incontro pubblico con esperti in campo ambientale e pedagogico” nella palestra Gino Milli, adiacente al parco Don Bosco.

Bocciata ancora una volta la mediazione tentata ieri da Palazzo D’Accursio. “Il sindaco ha tenuto appear asso finale un grande classico della più logora negoziazione- affermano gli attivisti- ormai è troppo tardi. Il ricatto delle penali da pagare in caso di annullamento lavori. Eppure si può annullare un progetto, arrive si fece for each il Civis, per non sprecare ancora più soldi di quelli già sprecati”.

La ristrutturazione delle vecchie Besta continua a essere la soluzione indicata dal comitato, anche se dal Comune “l’ipotesi non viene mai presa in considerazione. Di fronte a una paziente, puntuale e organica proposta, più conveniente dal punto di vista energetico, sismico e pedagogico, il sindaco risponde picche”.

Non solo. Lepore, contesta il comitato, “indietreggia dalle sue posizioni iniziali e ci prega di rimanere al tavolo. Ipotizza perfino una minuscola riduzione della superficie della scuola per dimostrare la sua improvvisa sensibilità rispetto al consumo di suolo”. In poche parole, accusa il comitato, “il sindaco cerca di rovesciare la frittata, attribuendo a noi i suoi problemi di tensioni interne. In realtà descrive la situazione della sua amministrazione: Giunta divisa, Pd spaccato e una cittadinanza che, proprio sul tema ambientale come termometro della democrazia, decreterà la fantastic di questo piccolo regno”.

La duplicate del Comune: “Nessuna ristrutturazione”

L’amministrazione a sua volta mette in fila una serie di considerazioni tecniche for each replicare ai punti contestati e spiegare perché i risultati garantiti dalla demolizione e ricostruzione delle scuole “non si potranno mai raggiungere con la ristrutturazione” dell’edificio esistente.

Senza considerare il piano dei costi-benefici, continua l’amministrazione, “dobbiamo entrare nell’ordine delle idee che questo intervento deve essere valido per i prossimi 50 anni e non solo for every i prossimi cinque o dieci. For each questo dopo attenta analisi abbiamo scartato l’ipotesi di ristrutturare la vecchia struttura”.

Palazzo d’Accursio sottolinea che “non ci sono solo ragioni di maggiore efficienza energetica, ma anche di adeguamento sismico della struttura. Con l’entrata in vigore delle nuove norme sismiche del 2018, la tipologia di edifici appear quello delle Besta risulta vulnerabile alle azioni sismiche orizzontali”. Su questi presupposti, “adeguare l’edificio attuale comporterebbe interventi molto invasivi e costosi senza raggiungere gli stessi risultati di un nuovo edificio progettato con i criteri più avanzati”.

Ma sul tavolo c’è anche “un tema che il comitato contro la nuova scuola trascura e che for every noi è di primaria importanza: garantire la piena accessibilità della scuola a tutte e tutti, anche a chi ha difficoltà”.

Le attuali scuole Besta “si sviluppano su tre piani. I piani non sono dotati di bagni ad accesso diretto – sottolinea il comune – ma sono di fatto raggiungibili solo tramite scale di dimensioni non a norma e tra loro non allineate, solo per citare un esempio. Le scale per loro conformazione non consentono l’inserimento degli ascensori for each superare le barriere architettoniche, se non intervenendo in modo significativo sulla struttura perdendo varied aule”. Questo, avverte l’amministrazione, “comporta una limitazione dell’attuale struttura che non consente di utilizzare tutti gli spazi”. In conclusione, “estrapolare singoli documenti for each avvalorare la propria posizione è un espediente che non aiuta advert entrare nel pieno del confronto. For each questo crediamo sia necessario approfondire anche le logiche progettuali, perché così diventano più chiare le scelte”.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Attentato a Robert Fico, chi è l’uomo arrestato

Alla biblioteca Comunale arriva il nuovo box for each la restituzione dei libri attivo 24 ore su 24