in

Arriva il motore di ricerca di ChatGPT: davvero Google dovrebbe preoccuparsi?


La competizione nel settore delle ricerche on-line potenziate e aiutate dall’intelligenza artificiale si fa sempre più serrata, e presto in campo potrebbe scendere anche OpenAI con ChatGPT. Molto presto, stando a quanto si legge on-line e sui social community: un annuncio in tal senso sarebbe atteso intorno al 9 maggio.

La notizia è in qualche modo confermata anche dai costanti investimenti di Microsoft nella società di Sam Altman, un fiume di denaro che dovrebbe permettere all’unione fra Bing e la nota IA generativa di dare fastidio a Google nel suo principale terreno di gioco. Con parecchia intensità sulla parola dovrebbe, perché il compito è tutt’altro che semplice.

New Tech

On the internet si parla malissimo di Humane AI Pin e Rabbit R1


reddit: uno dei tanti submit sul motore di ricerca basato su ChatGPT

Gli esempi di Gen AI Search

A dare ulteriore forza alle indiscrezioni c’è il fatto che sia stata confermata la registrazione del dominio look for.chatgpt.com, che numerose persone abbiano appunto parlato del 9 maggio occur facts di rilascio e soprattutto il fatto che, anche in questo momento, il sito non dia il tradizionale messaggio di Errore 404 che viene fuori quando si digita nel browser un indirizzo totalmente sbagliato ma restituisca la scritta Non trovato. Cioè come se la pagina fosse presente ma non ancora accessibile.

Del resto, era altamente probabile che si andasse in questa direzione e che Microsoft, il principale finanziatore di OpenAI, cercasse di fare fruttare gli investimenti for each (provare a) rafforzare la propria posizione nel campo dei motori di ricerca e per rosicchiare un po’ di spazio a Google. Già oggi, il settore della cosiddetta Gen AI Lookup, cioè appunto la ricerca fatta con l’aiuto dell’IA generativa, non manca di aziende in grado di fare sentire la propria voce: se la versione gratuita di ChatGPT limita la sua conoscenza a gennaio 2022, quella a pagamento non ha questo difetto, Perplexity (che abbiamo provato e funziona molto bene) permette di fare ricerche on the internet e ricevere risposte basate anche sull’attualità e la stessa Google consente a Gemini (che prima si chiamava Bard) di trovare on-line conferme o smentite delle sue risposte.

Le non risposte della versione free di ChatGPT su Vannacci e Hamas

Le non risposte della versione free di ChatGPT su Vannacci e Hamas 

La risposta molto accurata della versione Premium di ChatGPT su Hamas

La risposta molto accurata della versione Premium di ChatGPT su Hamas 

statista: il mercato dei motori di ricerca

Tutorial

Arrive usare l’IA for every riassumere un video clip di YouTube



4 motivi for each cui le IA non uccideranno Google

L’azienda di Mountain See non fa solo questo: in quella che chiama Look for Generative Knowledge raggruppa alcune funzionalità sperimentali (che in parte si possono provare anche in Italia) in cui l’IA è pesantemente integrata nella ricerca e anzi funziona quasi da fondamento.

Questa è una delle ragioni per cui è decisamente difficile, almeno nel medio periodo, prevedere che un colosso appear Google possa essere abbattuto dai motori di ricerca potenziati dalle IA: è parecchio attivo anche qui e non sta certo a guardare quello che fanno gli altri. Non ha una strategia attendista, contrariamente a quello che si legge spesso sui social community.

Ci sono altri motivi: il primo è legato alla natura stessa delle ricerche on the net, che sono ben assorted dalle domande che si rivolgono generalmente a una IA conversazionale. Si dividono sostanzialmente in 3 grandi gruppi: di navigazione, informative, esplorative. Le primary consistono semplicemente nello scrivere nella barra di ricerca il nome del sito verso cui si vuole essere indirizzati (amazon, gmail, fb, twitter, libero, walmart e così by means of) e sono la stragrande maggioranza di quello che le persone fanno su Google: le key 20-30 parole cercate in tutto il mondo tutti i giorni sono solo navigation query. Su queste, la velocità e l’efficienza di Google sono ancora inarrivabili per qualsiasi IA, così occur nelle info query (che tempo farà domani, com’è finita la partita, che ore sono, quanti anni ha un’attrice o un attore). Rimangono le domande esplorative o che non hanno una risposta univoca, appear cosa vedere a Genova, arrive fare il nodo alla cravatta o quali sono i migliori film della storia, in cui le IA sono solitamente molto brave. Anche se restano una percentuale minuscola delle ricerche che le persone fanno davvero.

Un altro motivo è che Google è sinonimo di motore di ricerca ma non è solo un motore di ricerca: è anche (se non soprattutto) una concessionaria pubblicitaria. Una macchina da soldi for each quanto riguarda advertising e inserzioni: nei primi 3 mesi del 2024, soltanto dalla pubblicità, Google ha incassato oltre 46 miliardi di dollari, cioè più o meno 20 milioni ogni ora. Di più: nello stesso periodo, le entrate derivanti dalla pubblicità sono cresciute del 14% anno su anno, quelle dagli annunci su YouTube di quasi il 21% e gli abbonamenti di un altro 18%. Insomma: se anche Google perdesse terreno nella ricerca, ne avrebbe ancora più che abbastanza for each non essere in difficoltà.

È un se bello grosso, e l’ultimo motivo è che è onestamente difficile immaginare che l’azienda di Mountain Check out possa perdere terreno in tempi rapidi, visto l’abisso che separa il suo motore di ricerca dagli altri motori ricerca: oggi, Google ha circa l’82% del mercato, contro l’11% di scarso di Bing. Sì, ha perso 3-4 punti fra good 2023 e inizio 2024, ma resta ancora quasi 8 volte più grande. Davvero pensiamo che alla concorrenza bastino un paio di funzionalità e trucchi con le IA (for each rispondere a ricerche che le persone comunque non fanno o fanno molto poco) for every colmare questo oceano di distanza?

@capoema

 





Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

la Regione investe 2 milioni di euro

Miami, studente italiano arrestato e legato mani e piedi in cella for every 13 minuti. La mamma: “Tortura, vogliamo giustizia”