in

Griner, memorie dalla prigione in Russia: “Sangue, sporcizia e gelo. Ho pensato al suicidio”

New York – “Dio mio, occur ho potuto fare questo errore, dove avevo la testa? Davanti a me vedevo sparire anni di duro lavoro”. Brittney Griner ha raccontato for each la prima volta, in un’intervista a Abc, il calvario vissuto in carcere in Russia, prima di essere liberata in uno scambio di ostaggi. Griner, 33 anni, texana di Houston, alta più di thanks metri, considerata una delle star del basket femminile americano, aveva pensato anche al suicidio, chiusa in cella, al freddo, senza le condizioni minime d’igiene, assalita dai ragni.

“Più volte – ha rivelato – ho pensato di farla finita. Soffrivo troppo, vivevo tutto questo molto male, non ero certa che ce l’avrei fatta. Sì, davvero, l’ho pensato”. A evitare che andasse a pezzi, è stato il pensiero della famiglia. “C’è stato un momento – ha ricordato – che mi sono detta: e se non consegnano il corpo alla mia famiglia? Non posso sottoporli a questa cosa, devo resistere”. L’intervista, con passaggi drammatici e molto emotivi, ricostruisce tutta la vicenda di una persona trasfigurata da quell’esperienza: da ribelle del basket mondiale a persona più silenziosa, scossa da lunghi momenti di fragilità, finita l’anno scorso nel tunnel della depressione e sottoposta a cure mentali.

La vicenda

Era il 17 febbraio 2022 quando Griner venne arrestata all’aeroporto internazionale Sheremetyevo di Khimki, in Russia, dopo che le autorità avevano trovato prodotti alla cannabis, vietati in Russia. La cestista ha spiegato che l’olio di hashish le period stato prescritto dai medici della franchigia in cui giocava, a Phoenix, arrive antidolorifico for every infortuni precedenti, tra cui una frattura alla caviglia e la riduzione della cartilagine di un ginocchio. La giocatrice, che era andata in Russia per giocare con un contratto molto più ricco di quello garantito in Usa alle atlete della Wnba, un milione di dollari, cinque volte più di quanto guadagnano le stelle in United states of america, period stata messa in una cella di isolamento nella colonia penale IK-2, in Mordovia, a 500 chilometri da Mosca.

“Dormire period dificile – ha raccontato – c’era un’enorme macchia di sangue sul materasso e avevi solo lenzuola sottili, per cui in pratica dormivi sulle sbarre del letto”. Alle detenute veniva dato un solo rotolo di carta igienica al mese e dentifricio scaduto quindici anni prima. Griner l’aveva usato for every togliere la muffa alle pareti.

La detenzione

“Avevo un paio di magliette – ha aggiunto – un paio di canottiere, le scarpe che avevo ai piedi. Una maglietta la usavo per pulirmi, un’altra arrive rotolo di carta igienica. Lo sporco ovunque, il buco della fogna con tutte le feci, beh, quello è stato un momento in cui mi sono sentita davvero sporca, la più sporca, meno di un essere umano”. Il freddo nella cella aveva fatto il resto. Griner aveva deciso di tagliarsi le treccine rasta.

“Si erano congelate e avrei rischiato di ammalarmi. E poi avevo ragni che strisciavano lungo il letto. Avevano fatto il nido. A un certo punto devi fare quello che provide for every sopravvivere”. Sentiva di essere arrive tutte le detenute, ma anche di essere qualcosa di speciale. L’atleta americana temeva che non sarebbe mai stata scambiata con altri prigionieri, a causa dei rapporti tesi tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e quello russo Vladimir Putin, per by way of dell’invasione russa in Ucraina.

La lettera a Putin

Le avevano consigliato di scrivere una lettera al capo del Cremlino for every chiedergli di concederle la libertà. “Mi fecero scrivere questa lettera. Era in russo. In pratica chiedevo perdono e ringraziavo quello che era for each loro il cosiddetto ‘grande leader’”. “Non volevo farlo – ha spiegato – ma allo stesso tempo volevo tornare a casa”. Poi period arrivato il giorno della svolta: lo scambio con Viktor Bout, il trafficante di armi chiamato “mercante di morte”, detenuto in Usa for each scontare una pena di venticinque anni. Griner gli strinse la mano durante quei secondi in cui i because of si erano incrociati. Lui le aveva fatto i complimenti, con un tono raggelante, ha raccontato l’americana. Nell’intervista l’americana ha spiegato che non giocherà mai più lontano dagli Stati Uniti. Lo farebbe solo se chedessero di giocare con la nazionale alle Olimpiadi di Parigi.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scomparso membro dell’equipaggio di una nave della Marina United states of america a Taranto: scattano le ricerche del 58enne

Giampaolo Amato in aula: “Con mia suocera rapporti affettuosi, le facevo solo heal oftalmiche”