in

Gli scioperanti della fame anti-turismo di Tenerife interrompono la protesta dopo 20 giorni, affermando che i funzionari hanno mostrato “zero interesse” for each la loro situazione, nonostante l’isola abbia annunciato una nuova tassa di soggiorno


Uno sciopero della fame lanciato il mese scorso a Tenerife occur parte delle proteste for every il turismo di massa è stato annullato dopo 20 giorni poiché i funzionari hanno mostrato “zero interesse” for every la loro situazione, hanno detto gli scioperanti.

Quattro dei sei attivisti che hanno smesso di mangiare hanno annunciato la loro decisione ieri sera nella piazza della località di La Laguna, situata nel nord dell’isola.

Gli altri owing non erano presenti e si diceva che si stessero “guarendo”.

Uno dei sei, il cui nome non è stato ufficialmente nominato dalla piattaforma di protesta Canarias Se Agota alla quale sono affiliati, ha accusato il governo regionale delle Isole Canarie di pagare loro “interessi zero”.

Ma ha detto ai sostenitori in un’assemblea popolare dopo aver preso il suo turno di parlare, apparendo visibilmente scarno dopo i suoi 20 giorni di sciopero: ‘Siamo rimasti stupiti dalla risposta sociale e questa è la cosa migliore che otterremo da questo. Sono molto fiducioso per il futuro.’

Un uomo saluta le persone in sciopero della fame durante una manifestazione for every un cambiamento del modello turistico nelle Isole Canarie, a Santa Cruz de Tenerife, Spagna, 20 aprile 2024

I membri del movimento 'Canaria se agota' ('Canaria è esausta') protestano contro la costruzione di un hotel vicino alla spiaggia La Tejita e ad altre infrastrutture turistiche di massa, a La Laguna, sull'isola spagnola delle Canarie di Tenerife, il 13 aprile 2024

I membri del movimento ‘Canaria se agota’ (‘Canaria è esausta’) protestano contro la costruzione di un resort vicino alla spiaggia La Tejita e advertisement altre infrastrutture turistiche di massa, a La Laguna, sull’isola spagnola delle Canarie di Tenerife, il 13 aprile 2024

“Go Dwelling Tourist” è stato scarabocchiato in inglese su un muro sotto un cartellone pubblicitario immobiliare a Nou Llevant, a Maiorca, un quartiere che ha visto un massiccio afflusso di acquirenti stranieri negli ultimi anni

I manifestanti si sono accalcati in piazza Weyler nella capitale Santa Cruz di Tenerife, il punto di partenza di una marcia sull'isola turistica popolare britannica, il 20 aprile.

I manifestanti si sono accalcati in piazza Weyler nella capitale Santa Cruz di Tenerife, il punto di partenza di una marcia sull’isola turistica popolare britannica, il 20 aprile.

Canarias Se Agota ha dichiarato in un messaggio dopo la sospensione dell’azione: ‘Questa è la società che vogliamo. Uno che si organizza e lotta con coraggio per difendere la nostra terra.’

E aggiunge: “Andremo avanti con determinazione e fermezza finché non realizzeremo le Isole Canarie che sogniamo”.

Lo sciopero della fame è iniziato l’11 aprile davanti a una chiesa in una delle piazze principali di La Laguna. All’inizio period stato annunciato arrive uno sciopero “a tempo indeterminato”.

Gli attivisti e i loro sostenitori hanno affermato di volere che i governatori regionali adottino un modello di turismo più sostenibile per combattere problemi quali l’inquinamento, il traffico bloccato e la mancanza di alloggi a prezzi accessibili che hanno collegato al turismo di massa.

Hanno anche cercato di paralizzare thanks progetti turistici, tra cui uno che prevede la costruzione di un resort a cinque stelle su una delle ultime spiagge vergini di Tenerife.

Victor Martin, portavoce di Canarias Se Agota, che significa “Isole Canarie sull’orlo del baratro”, ha detto prima che iniziasse: “Lo sciopero della fame è a tempo indeterminato e continuerà fino a quando i due macroprogetti contro cui stiamo combattendo non saranno fermati per sempre e l’accordo regionale si impegna for each iscritto a sedersi e parlarci di moratoria turistica.

“Potrebbe verificarsi una tragedia e qualcuno potrebbe morire se il governo non ascolta.”

Poco più di una settimana dopo l’inizio, il 20 aprile, migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade delle Isole Canarie for each protestare contro i problemi causati dal turismo di massa e chiedere ai politici di agire.

I manifestanti hanno fatto sentire la loro voce con lo slogan: “Canarias tiene un limite”, che in inglese significa “Le Isole Canarie hanno un limite”.

La settimana scorsa le stesse parole apparivano dipinte in bianco sull’asfalto di una delle strade di accesso al Teide a Tenerife.

Gli attivisti hanno iniziato lo sciopero della fame l'11 aprile per chiedere una moratoria sul turismo di massa nelle Isole Canarie (nella foto: membri del movimento

Gli attivisti hanno iniziato lo sciopero della fame l’11 aprile per chiedere una moratoria sul turismo di massa nelle Isole Canarie (nella foto: membri del movimento “Canaria se agota” durante una protesta a Tenerife il 13 aprile)

Persone in sciopero della fame siedono su sedia a rotelle durante una manifestazione per un cambiamento del modello turistico nelle Isole Canarie, a Santa Cruz de Tenerife, Spagna, 20 aprile 2024

Persone in sciopero della fame siedono su sedia a rotelle durante una manifestazione for every un cambiamento del modello turistico nelle Isole Canarie, a Santa Cruz de Tenerife, Spagna, 20 aprile 2024

Migliaia di residenti hanno protestato a Tenerife, nelle Isole Canarie, il 20 aprile per chiedere al governo di limitare temporaneamente gli arrivi di turisti

Migliaia di residenti hanno protestato a Tenerife, nelle Isole Canarie, il 20 aprile for each chiedere al governo di limitare temporaneamente gli arrivi di turisti

Le isole sono minacciate dall’inquinamento del mare, dal traffico ingorgo e dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili legati all’aumento dei prezzi degli immobili a causa degli affitti per le vacanze in stile Airbnb

Le isole sono minacciate dall’inquinamento del mare, dal traffico ingorgo e dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili legati all’aumento dei prezzi degli immobili a causa degli affitti per le vacanze in stile Airbnb

Le isole sono minacciate dall’inquinamento del mare, dal traffico ingorgo e dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili legati all’aumento dei prezzi degli immobili a causa degli affitti per le vacanze in stile Airbnb

Le isole sono minacciate dall’inquinamento del mare, dal traffico ingorgo e dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili legati all’aumento dei prezzi degli immobili a causa degli affitti per le vacanze in stile Airbnb

Un altro messaggio dipinto sulla strada diceva: ‘Moratoria turistica’ – ‘Moratoria turistica’ in inglese.’

Tenerife, isola frequentata dai turisti britannici, è stata in prima linea nelle proteste legate al tipo di turismo di massa che attira.

Poco prima un importante politico di Tenerife aveva esortato i turisti britannici e irlandesi in cerca di vacanze soleggiate e all-inclusive a buon mercato ad andare altrove per le loro vacanze.

Carlos Tarife, vicesindaco della capitale dell’isola Santa Cruz, ha detto che i vacanzieri interessati a soggiornare nei loro resort con i braccialetti obbligatori dovrebbero invece prenotare posti arrive la Repubblica Dominicana.

I graffiti in inglese lasciati sui muri e sulle panchine a Palm Mar, nel sud di Tenerife, all’inizio del mese scorso includevano “La mia miseria, il tuo paradiso” e “Lo stipendio medio alle Isole Canarie è di 1.200 euro”.

In un’apparente reazione del Regno Unito, una risposta lasciata in inglese su un muro accanto al messaggio “I turisti vanno a casa” diceva: “Vaffanculo, vi paghiamo lo stipendio”.

Canarias Se Agota ha sempre insistito sul fatto che non aveva nulla a che fare con i graffiti apparsi in alcune parti di Tenerife nelle ultime settimane – e ha accusato i politici regionali di accusarli di fobia del turismo appear parte di una campagna di ‘sporchi trucchi’.

Joan Pla, direttore alberghiero di Maiorca, ha recentemente avvertito che le proteste del turismo di massa nelle Isole Canarie potrebbero ripetersi nelle Baleari.

Ha affermato che il numero di scenario costruite for every i residenti locali che venivano invece acquistate da stranieri come proprietà for each le vacanze period un problema.

E si è lamentato che isole occur Maiorca, dove ha sede, debbano significantly fronte all’afflusso di troppe persone in determinati periodi dell’anno.

I commenti del signor Pla, fatti durante un’intervista con un giornale locale, arrivano quando i direttori degli lodge di Benidorm hanno ammesso di essere “molto preoccupati” per le proteste delle Isole Canarie e hanno dimostrato che ci sono seri problemi che devono essere affrontati.

#Gli #scioperanti #della #fame #antiturismo #Tenerife #interrompono #protesta #dopo #giorni #affermando #che #funzionari #hanno #mostrato #interesse #loro #situazione #nonostante #lisola #abbia #annunciato #una #nuova #tassa #soggiorno



Leggi di più su each day mail

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ho. Cell lancerà il 5G giorno 8 maggio 2024? – MondoMobileWeb.it | Information | Telefonia

un grande aperitivo a cielo aperto con 10 dj-established