in

A Venezia debutta il ticket tra consensi e proteste – Cronaca


Prima città al mondo a difendersi dall’invasione di turisti, con prenotazioni e ‘biglietto’ al centro storico, Venezia ha sperimentato fra proteste, rumorose e partecipate, e consensi, soprattutto dei turisti americani, il ticket d’ingresso. Una misura, 5 euro il costo del voucher, pensata soprattutto per frenare i turisti giornalieri che vogliono visitarla a tutti i costi anche nelle giornate da ‘bollino nero’. In passato c’erano point out le crociate contro i ‘saccopelisti’, che scambiavano Venezia for every un tenting e non ne rispettavano il decoro. Adesso si è passati alle application e al QR code per gestire gli assalti di migliaia di persone al gioiello sulla laguna.

Tutto è scattato oggi, 25 aprile, festa della Liberazione, e giorno del patrono, San Marco, nel primo lungo ponte festivo. E dalle prime reazioni paiono esservi point out più luci che ombre nella ‘prima’ del contributo d’ingresso. La sperimentazione proseguirà for each tutto il 2024, nei 29 giorni a rischio invasione segnati nel calendario. Per i controlli il Comune ha schierato un esercito tra addetti alle verifiche e personale della polizia municipale, per spiegare ai turisti, alcuni sfavorevoli all’iniziativa, il percorso per entrare in città con il ticket, necessario dalle 8.30 alle 16.00. Sono stati 113mila gli arrivi calcolati in giornata ma solo 15.700 i turisti che hanno dovuto versare i 5 euro per ottenere il lasciapassare. Poco più di uno su 10, tutti gli altri potevano contare su una qualche esenzione. Calca soprattutto al gazebo davanti alla stazione di Santa Lucia, principale punto di approdo for each i vacanzieri ‘mordi e fuggi’. For every chi è diretto sui classici percorsi verso il centro storico, dal ponte degli Scalzi in direzione Rialto, o Lista di Spagna for every San Marco, non passa nessuno senza identificarsi.

“Va bene così” commentano soprattutto gli ospiti stranieri. La prendono meno bene i vacanzieri che arrivano dal Veneto, che pur non dovendo pagare nulla devono però registrarsi sulla application, e ricevere il QR di esenzione. Le lamentale arrivano però dagli altri turisti italiani, loro sì devono versare il contributo. “Non è giusto pagare per entrare a Venezia” dice qualcuno, altri fanno comunque fatica ad accettare di perdere tempo in coda, per destreggiarsi poi con le macchinette elettroniche. Nonostante il battage informativo, ci sono sempre i turisti presi in contropiede: “vengo d Firenze – dice una turista americana – se mi avessero informato for each tempo, in Toscana, avrei potuto visitare liberamente la città senza perdere tempo”.

La maggior parte sono però turisti che pernottano negli alberghi, e quindi sono esentati dal pagamento (verseranno già la tassa di soggiorno). Non tutto però fila liscio: c’è qualche veneziano doc che arriva a invocare l’articolo 16 della Costituzione sulla libertà di circolazione. E nel vicino hub di Piazzale Roma va in scena la protesta dei centri sociali: sono circa in 300, contestano il sindaco Brugnaro e si fronteggiano a muso duro con la polizia, gli agenti tengono la posizione con gli scudi, qualche spintone, ma in pochi minuti tutto è finito. I cittadini dei comitati e delle associazioni contrarie al ticket hanno invece manifestato nei posti di controllo dei Qr code, dove si sono confrontati con il sindaco Luigi Brugnaro.

“Parliamoci” dice subito il primo cittadino, che poi spiega. “Lo facciamo for every lasciare la città alle generazioni foreseeable future. Bisogna fare qualcosa e io ci provo. Non si è mai fatto nulla for each regolare il turismo – insiste il sindaco – la politica non lo fa perché non ha interesse a farlo. Io l’ho fatto. Chiedo scusa per il disagio, ma dobbiamo fare qualche cosa non si può solo parlare”.

Manifestazioni contro il ticket d’accesso

Circa 300 appartenenti ai centri sociali hanno dato vita stamane a Piazzale Roma a una manifestazione di protesta contro l’introduzione del ticket d’accesso alla città for every i turisti giornalieri. Qualche momento di tensione si è registrato quando i giovani hanno provato a superare il cordone delle forze dell’ordine, per raggiungere l’area della stazione ferroviaria, dove c’era il posto di controllo sui voucher, o sui QR che certificano l’esenzione for every le categorie che devono solo registrarsi all’app del Comune. Nel mirino dei contestatori soprattutto la figura del sindaco Luigi Brugnaro, e l’idea di una città trasformata in “Veniceland” Clima più tranquillo, invece, in una seconda manifestazione dei comitati cittadini contrari al ticket, posizionati vicini al posto di controllo dei QR. C’è stato anche un breve confronto con il sindaco Brugnaro, finito in un abbraccio.

Online video Venezia, manifestazioni contro il ticket d’accesso

 

Sindaco, ‘ticket d’accesso for each preservare la città’

“Non si è mai fatto nulla per regolare il turismo, la politica non lo fa perché non ha interesse a farlo. Io l’ho fatto”. Lo ha detto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro davanti alla stazione, dove sono stati installati i varchi per l’avvio della sperimentazione sul contributo di accesso alla città storica. “Chiedo scusa per il disagio ma dobbiamo fare qualche cosa – ha aggiunto – non si può solo parlare, bisogna provare a fare qualche cosa e ora lo stiamo facendo perché abbiamo il dovere e il compito di lasciare e preservare la città for each le prossime generazioni”. “La paura del cambiamento è legittima – ha sottolineato Brugnaro – ma anche questa può servire for every migliorare ma se la paura blocca tutto non c’è progresso, non c’è futuro”. “Oggi spendiamo più soldi di quanti ne incassiamo – ha proseguito – ma questa non è una spesa è un modo for each considerably capire che bisogna cambiare e quindi diluire le visite alla città evitando gli intasamenti e le persone lo stanno capendo, c’è qualche protesta? Va bene la accettiamo è legittima spero solo che serva a migliorare”. “La sperimentazione sarà medio lunga – ha spiegato Brugnaro -, dobbiamo raccogliere dati ed informazioni for every poi tarare il sistema, offrire servizi occur già fa il QR code che ha la piantina della città con advert esempio, segnati i servizi igienici e poi quando si passerà all’utile economico tutto andrà in servizi alla città: non abbiamo più i finanziamenti della Legge speciale per Venezia anche se, se si trovano for each il ponte di Messina, potrebbero essere trovati anche for each questa città unica”. “La maggior soddisfazione – ha concluso – vedere chi si avvicina ai varchi sventolando il QR code d’accesso: hanno capito”.

La sperimentazione

Nel primo giorno di sperimentazione del ticket d’ingresso a Venezia è assalto al gazebo per pagamento o esenzione dal contributo di accesso all’esterno della stazione ferroviaria di Venezia. Ai tanti turisti e pendolari della vacanza si aggiunge la schiera dei giornalisti giunti da gran parte del mondo for every studiare il primo ‘biglietto’ pensato per visitare una città.

Sono oltre 80mila le persone che hanno registrato la loro presenza in città oggi, 25 aprile. Solo 7mila però, uno su dieci, secondo i dati aggiornati a ieri pomeriggio, hanno pagato il voucher di 5 euro for every accedere al centro storico. Tutti gli altri accessi sono di persone esenti alla tassa (cittadini veneti, i lavoratori, gli studenti e altre categorie), tenuti a registrarsi sulla piattaforma on line ma non a pagare. Tra questi, 30.300 sono gli ospiti delle strutture ricettive, 9.450 sono i veneti, potenziali vacanzieri ‘di giornata’.

Serrati i controlli che portano ai ‘corridoi’ for each accedere al vicino ponte degli Scalzi o alla Lista di Spagna passaggi obbligati per San Marco, oggi è la sua festa: è il Patrono di Venezia. C’è un po’ di stupore, pochi quelli che erano preparati advertisement una macchina così imponente ad uno dei principali terminal della città ma nessuno si lamenta. Divisi i turisti, con esenzione o meno. sull’obolo da pagare. Una famiglia pugliese ospite di familiari in Veneto è esente ma deve registrarsi. Sbuffano alla macchinetta per registrarsi, qualcosa non torna, chiedono aiuto all’assistente e intanto commentano “non è giusto pagare o essere registrati” ma all’obiezione sui mali dell’overtourism rispondono “non è giusto neppure questo”. Unanime l’approvazione dei turisti stranieri che pagano, sono soprattutto americani, francesi e spagnoli. “Il problema lo abbiamo capito, l’Italia è fatta di città antiche – dice una signora americana giunta da Firenze -, non c’è nulla di male a pagare se poi si può visitare meglio la città. Unico problema il tempo che fugge in coda, se a Firenze ce lo avessero detto avremmo magari pagato in altro modo”. Imbarazzo for every un gruppo di ragazze di Vicenza. Devono andare a pranzo a Pellestrina – sono esenti perché è un’isola – ma non sanno se devono registrarsi o meno, cercano informazioni sui totem ma vengono subito rapite da una television for each un intervista.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA



Leggi di più su ansa

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Eventi del 25 aprile a Bologna e dintorni: ingresso gratuito in Pinacoteca e a Palazzo Pepoli Campogrande

Cesenatico, iniziate le operazioni di perforazione in by means of Bramante