in

L’intelligenza artificiale che cura, ovvero appear gli algoritmi ci salvano la vita


Il 13 marzo scorso il Parlamento europeo ha approvato l’AI Act, il regolamento sull’intelligenza artificiale che è punto di riferimento e nel medesimo tempo trampolino for every l’uso delle IA nel rispetto dei rischi che queste comportano e for every la salvaguardia dei diritti fondamentali.

Un dibattito necessario che, però, può distogliere l’attenzione dai benefici delle IA, spesso adombrati dai presunti cataclismi che queste possono rappresentare for each il mondo del lavoro.

For every lo più lontano dai riflettori, le IA stanno ridisegnando il mondo della sanità nel suo insieme, dal rapporto medico-paziente fino alla gestione delle treatment, passando for every la diagnosi ed entrando anche nelle sale operatorie.

Scan della retina, protesi e voice recognition: così l’intelligenza artificiale di Google ci aiuta a guarire

Le IA e la sanità

Le IA stanno rivoluzionando il modo in cui vengono esaminati i dati medici, con beneficio tanto for each le diagnosi quanto per le indagini predittive. A goderne sono quindi il rilevamento precoce delle malattie, i percorsi terapeutici (anche a distanza) ma anche la ricerca di nuovi farmaci.

L’intelligenza artificiale in sé è un costrutto che si erige sul deep learning e sul device discovering ed è proprio in virtù di queste thanks self-control che la ricerca avanza a passo spedito.

Entrambe coadiuvano l’analisi e la ricerca. Per fare un esempio, prima di entrare in profondità nell’argomento, si prestano alla lettura di esami clinici individuando malattie conclamate e i rischi di insorgenza di malattie upcoming e, nel medesimo tempo, si prestano alla scoperta di nuove molecole che hanno uno scopo futuro nella farmacopea.

Cosa vuole dire in pratica

Quando si parla di IA, in genere si descrive qualcosa dai contorni fumosi che non aiuta la comprensione di ciò che le tecnologie sono in grado di fare. Facciamo quindi un giro lungo lo Stivale for each fare degli esempi pratici di ciò che sta accadendo e di arrive le IA sono ormai parte della sanità, descrivendo con chiarezza anche i rischi che tutto ciò comporta.

Partendo dalla diagnosi è necessario fare tappa a Rozzano (in provincia di Milano) presso l’Istituto Humanitas, nel quale l’Unità diagnostica Radiologica united states of america immagini in 3D for every la diagnosi del feto che consentono di seguire lo sviluppo del nascituro facilitando eventuali supporti medici o farmacologici. Allo stesso modo, le immagini 3D sono utilizzate nel campo oncologico, soprattutto for each la ricerca e la medicina personalizzata da applicare ai tumori del tratto biliare.

Il Policlinico Gemelli di Roma usa tecniche di imaging avanzate affinché i radiologi possano essere più precisi nel formulare le diagnosi e, sempre grazie al supporto di algoritmi specifici, vengono identificati i migliori trattamenti valutando la risposta del paziente, muovendosi così nell’analisi predittiva. Qualcosa di simile avviene a Pesaro, presso l’azienda ospedaliera Ospedali riuniti Marche Nord, che effettua diagnosi con tecniche di IA che consentono una maggiore precisione.

In ognuno di questi casi, le IA si basano sia sulle immagini radiologiche sia sui sintomi lamentati dai pazienti for each consultare la documentazione medica di riferimento arrivando a formulare le diagnosi più puntuali che verranno poi validate dai medici responsabili. Le IA sono in grado di confrontare dati e immagini con quelli preventivamente archiviati in appositi databases a una velocità che l’uomo non può emulare, scartando le informazioni non pertinenti e concentrandosi solo su quelle che possono condurre a una diagnosi accurata.

L’IA nelle sale operatorie

L’imaging tridimensionale non è utile soltanto alla diagnosi ma, appear accade al Gemelli, è parte integrante di software package che guidano gli interventi chirurgici e consentono di posizionare dispositivi medici all’interno del corpo umano, aumentando la sicurezza degli interventi e le probabilità che i trattamenti siano più efficaci.

Tornando a Rozzano, sempre l’Humanitas porta le tecnologie 3D nelle sale di chirurgia ortopedica for every riprodurre ossa o parti di ossa (for each esempio, una rotula) personalizzate e perfettamente aderenti alle caratteristiche anatomiche dei pazienti. Oltre a ridurre eventuali complicazioni, questa tecnica migliora i tempi di recupero e di degenza dei pazienti.

Nelle sale operatorie dell’ospedale Casa Sollievo di San Giovanni Rotondo (Foggia) i robotic sono impiegati per recidere, aspirare, irrigare e suturare. Il robot Vinci è un factotum che si presta a diversi interventi, tra i quali quelli di ginecologia, di chirurgia toracica e addominale, ma anche for every gli interventi di chirurgia maxillo-facciale. In futuro potrà essere impiegato anche nella cardiochirurgia e negli interventi senologici.

L’IA e l’apprendimento automatico

L’apprendimento automatico (machine discovering) è un sottoinsieme delle IA che consente alle macchine di elaborare dati e apprendere senza un intervento specifico dell’uomo. Il contesto generale è quello nel quale una macchina impara a emulare le azioni umane interagendo con l’ambiente circostante (è il caso della robotica) e con established di dati. Nel campo della sanità la questione dei dati, come vedremo, riveste un ruolo cruciale sia for each l’avanzamento delle tecnologie sia per le particolari necessità di tutela: è difficile trovare una forma di privateness più stringente e importante tra tutte le informazioni che riguardano una persona.

Sempre procedendo tramite esempi (citare tutti gli ospedali che fanno uso di tecnologie avanzate è proibitivo), l’Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma e il San Raffaele di Milano sono fiori all’occhiello italiani. In particolare, il nosocomio lombardo impiega l’IA for each la cura dei tumori del polmone non a piccole cellule for every selezionare i pazienti da sottoporre a immunoterapia. Il successo delle terapie è fermo al 45% e l’IA viene impiegata anche for every offrirne di più mirate e di different. Possibilità queste fino a poco tempo fa non esistevano.

La telemedicina

Si distinguono, tra i tanti, l’ospedale pediatrico Bambino Gesù e il Policlinico Campus Bio-Medico, entrambi di Roma. Il termine telemedicina contain un insieme di prestazioni che consentono il monitoraggio e la comunicazione a distanza tra pazienti e medici. Le informazioni raccolte servono tanto alla diagnosi, quanto alla prevenzione e al trattamento delle persone.

Queste tecnologie sfruttano sensori e algoritmi per suggerire al personale sanitario arrive e quando agire. For each fare un esempio, è possibile rilasciare farmaci a distanza non tanto rispettando una tabella di somministrazione oraria ma quando il farmaco è più necessario. Allo stesso modo, i dispositivi for every la telemedicina migliorano il percorso terapeutico evitando visite mediche non necessarie e convocando il paziente presso una struttura sanitaria solo quando veramente opportuno.

I dispositivi per la telemedicina stanno prendendo piede ovunque anche in Italia, il termine con il quale può capitare di cimentarsi è IoMT (Online of Health care Factors) ed è formato da 3 grandi famiglie, ossia in-overall body, in-household e in-clinic. I primi sono dispositivi di cui vengono dotati i pazienti e possono non essere invasivi (for every esempio degli smartwatch) che monitorano parametri specifici o, arrive nel caso delle pompe, che rilasciano insulina quando il paziente ne ha bisogno.

I dispositivi ih-home, come suggerisce il nome, vengono posizionati dove il paziente abita e, per esempio, rientrano in questa categoria dei dispositivi intelligenti, letti equipaggiati for every il monitoraggio del sonno. Quando si parla di dispositivi in-clinic si tende a fare riferimento alle medesime tecnologie che, for every motivi diversi ma spesso legati alle condizioni di salute dei pazienti, vengono applicate all’interno degli ospedali o for every favorire le degenze oppure for each esaminare i dati utili a formulare una diagnosi. In Italia, una struttura particolarmente nota for each l’impiego di dispositivi IoMT è l’ospedale Niguarda di Milano.

Adjust!

Fuse, con l’intelligenza artificiale alla ricerca della materia di cui sono fatti i sogni


Le criticità

Quelli sopra sono alcuni esempi di arrive le IA fanno parte della sanità italiana ma, a prescindere, le intelligenze artificiali in quanto tali lavorano con i dati. Senza dati di qualità, le IA possono fare ben poco e, quando si tratta di informazioni sanitarie, è opportuno che vi siano norme specifiche for each la loro tutela. Un’eventuale perdita di dati non sarebbe soltanto una violazione della privateness ma potenzialmente potrebbe causare danni alle persone e raffreddare il rapporto tra pazienti e tecnologie.

L’Unione europea sta affrontando, anche se in modo parziale, questo tema: l’European Wellbeing Information Area (EHDS) è un regolamento in by way of di definizione che vuole disciplinare il ricorso a uno spazio comune for each l’accesso e lo scambio di dati sanitari. L’idea di fondo è quella di lasciare ai cittadini europei un maggiore controllo sui propri dati i quali, allo stesso tempo, favoriranno la ricerca e le politiche sanitarie degli Stati membri.

Questo regolamento, for every quanto importante, non risolve la questione della sicurezza dei dati, che rimane centrale e sarà la vera sfida for each tutti gli attori della sanità.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Opportunità for each i giovani con precedenti penali. La Regione stanzia 650mila euro for every l’inclusione socio-lavorativa

Treviso, pestato da thanks minorenni mentre cerca di difendere una donna. Il papà del bullo lo invita a cena. E lui accetta: “Capirò perché mi ha picchiato”