in

“Woman Gaga palestinese”, le cui canzoni includono Intifada on the Dance Flooring, potrebbe rappresentare l’Islanda all’Eurovision, creando grattacapi politici agli organizzatori


Il cantante pop palestinese Bashar Murad spera di rappresentare l’Islanda all’Eurovision Tune Contest di maggio e di portare una voce palestinese all’evento, ha detto.

Tuttavia, l’uomo soprannominato la “Woman Gaga palestinese”, le cui canzoni includono “Intifada on the Dance Flooring”, potrebbe creare grattacapi agli organizzatori dell’evento.

L’Eurovision, che attira milioni di telespettatori, si presenta occur un evento non politico e può squalificare coloro che ritiene violino questa regola.

I campanelli d’allarme sono già stati suonati per l’ingresso di Israele, ‘October Rain’, cantata dal ventenne russo-israeliano Eden Golan – dopo che un membro dell’Unione europea di radiodiffusione (EBU) avrebbe informato un funzionario israeliano dell’ingresso del paese period eccessivamente politico e violava le regole di imparzialità.

La notizia che la ballata period oggetto di indagine si è diffusa la scorsa settimana dopo che i testi trapelati suggerivano che la canzone fosse incentrata sul massacro del 7 ottobre da parte di Hamas.

Il cantante pop palestinese Bashar Murad (nella foto) spera di rappresentare l’Islanda all’Eurovision Tune Contest di maggio e di portare una voce palestinese all’evento, ha detto

I campanelli d'allarme sono già stati suonati per l'ingresso di Israele,

I campanelli d’allarme sono già stati suonati for every l’ingresso di Israele, “Oct Rain”, cantata dalla ventenne cantante russo-israeliana Eden Golan (nella foto) – dopo che un membro della European Broadcasting Union (EBU) avrebbe informato un funzionario israeliano che l’ingresso del Paese è stato eccessivamente politico e in violazione delle regole di imparzialità

Quest’anno il concorso si svolgerà dal 7 all’11 maggio nella città svedese di Malmö, in un contesto di proteste e boicottaggi for each la continua guerra di Gaza – scatenata dall’attacco – che hanno colpito eventi culturali in tutta Europa.

Gli organizzatori dell’Eurovision Tune Contest si sono opposti alle richieste di escludere Israele dalla competizione, ma la settimana scorsa hanno detto che stavano esaminando attentamente la proposta israeliana.

L’Islanda sceglierà il suo concorrente sabato, con Murad che gareggerà nella finale nazionale con una canzone co-scritta da Einar Stefansson della band islandese Hatari, nota per aver alzato uno striscione con bandiere palestinesi durante l’Eurovision 2019.

Murad, 31 anni, ha successi tra cui “Intifada on the Dance Flooring” e mira a rappresentare l’Islanda con la sua canzone “Wild West”, che parla del desiderio di libertà di un artista.

Il suo online video musicale, tuttavia, suggerisce che potrebbe rappresentare un problema for every gli organizzatori dell’Eurovision, poiché è pieno di simboli della resistenza palestinese.

In esso, la pop star viene vista guidare attraverso un aranceto in Cisgiordania, sorvolare la barriera di separazione in aereo e guardare dall’alto Gerusalemme, in particolare la cupola dorata della moschea Al-Aqsa nel quartiere orientale della città.

Alla fantastic, il movie lo mostra mentre atterra in una regione innevata che ricorda l’Islanda.

Viene quindi visto affrontare un cowboy vestito di nero armato di pistola, mentre tiene in mano una palla di neve, evocando una lotta sbilanciata tra il bene e il male.

“Volevo illustrare quanti ostacoli arrive palestinesi dobbiamo superare per essere ascoltati… siamo esclusi da ogni piattaforma tradizionale”, ha detto Murad all’agenzia di stampa Reuters in un’intervista.

Al Occasions ha detto: “Questa è la mia esperienza personale di vivere a Gerusalemme e di essere nato sotto occupazione, di essere separato dagli altri palestinesi e di dover passare attraverso posti di blocco per raggiungerli, e di non poter viaggiare a Gaza”.

Secondo le regole della European Broadcasting Union (EBU) che organizza la competizione, i partecipanti vengono scelti dalle emittenti membri dell’EBU for every rappresentare i loro paesi da tutta Europa e oltre.

Nel film 'Wild West' di Bashar Murad, la pop star viene vista guidare attraverso un aranceto in Cisgiordania, sorvolare la barriera di separazione in aereo e guardare dall'alto Gerusalemme, in particolare la cupola dorata della moschea di Al-Aqsa. nel quartiere orientale della città (nella foto)

Nel film ‘Wild West’ di Bashar Murad, la pop star viene vista guidare attraverso un aranceto in Cisgiordania, sorvolare la barriera di separazione in aereo e guardare dall’alto Gerusalemme, in particolare la cupola dorata della moschea di Al-Aqsa. nel quartiere orientale della città (nella foto)

Lo si vede anche affrontare un cowboy vestito di nero armato di pistola, mentre tiene in mano una palla di neve, evocando una lotta sbilanciata tra il bene e il male.

Lo si vede anche affrontare un cowboy vestito di nero armato di pistola, mentre tiene in mano una palla di neve, evocando una lotta sbilanciata tra il bene e il male.

Non c’è alcuna voce palestinese perché non esiste un membro palestinese dell’EBU.

La Russia è stata bandita dalla competizione nel 2022 for every la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Cantanti di qualsiasi nazionalità possono partecipare alle qualificazioni nazionali dell’Islanda se cantano la loro canzone nella prima semifinale in islandese.

Murad, che è nato e vive a Gerusalemme, ha detto che è stato difficile imparare la canzone in islandese, ma ha visto alcune somiglianze con la lingua araba.

Nel suo articolo ‘Wild West’, Murad ha detto a Reuters che racconta la storia di sfidare i confini e inseguire sogni contro ogni previsione.

«Tutti hanno delle teorie sulla mia partecipazione. E tutti stanno politicizzando la mia esistenza quando in realtà sono solo un essere umano che aveva un sogno e si è candidato a questa competizione leale e leale.’

Quando gli è stato chiesto se Murad vuole che Israele partecipi alla competizione, ha detto: ‘Naturalmente, non voglio che il mio occupante sia lì.

“Ma il mio obiettivo principale in questo momento è riuscire a portare, for each la prima volta nella storia, una voce palestinese sul palco principale.”

Il concorso annuale è stato vinto quattro volte da Israele, dove è popolare e spesso visto appear un barometro della posizione del paese a livello internazionale.

Murad, che è nato e vive a Gerusalemme, ha detto che è stato difficile imparare la canzone in islandese, ma ha visto alcune somiglianze con la lingua araba.

Murad, che è nato e vive a Gerusalemme, ha detto che è stato difficile imparare la canzone in islandese, ma ha visto alcune somiglianze con la lingua araba.

Eden Goldan si esibisce.  A Israele è stato detto di cambiare il testo della canzone presentata per la competizione di quest'anno o rischierà di essere squalificato.  Secondo quanto riferito, include frasi come ¿non c'è più aria da respirare¿ e ¿erano tutti bravi bambini, ognuno di loro¿

Eden Goldan (nella foto) è la voce israeliana all'Eurovision Song Contest di quest'anno.  Un membro anziano della European Broadcasting Union (EBU) avrebbe informato un funzionario israeliano che l’ingresso del paese in October Rain era eccessivamente politico e in violazione delle regole di imparzialità.

Eden Goldan (nella foto) è la voce israeliana all’Eurovision Tune Contest di quest’anno. Un membro anziano della European Broadcasting Union (EBU) avrebbe informato un funzionario israeliano che l’ingresso del paese in October Rain era eccessivamente politico e violava le regole di imparzialità.

Quest’anno il suo stesso ingresso sta già provocando una tempesta.

Secondo quanto riferito, “Oct Rain” di Eden Golan involve versi come “non c’è più aria for each respirare” e “erano tutti bravi bambini, ognuno di loro”, oltre advert alludere alle persone intrappolate nei rifugi durante gli attacchi di Hamas.

La canzone si riferisce anche ai “fiori”, che si dice siano il codice militare for each le vittime della guerra in Israele.

La controversa censura, riportata dal sito di notizie israeliano Walla!, arriva dopo che una canzone rap che chiedeva l’uccisione della cantante britannica Dua Lipa e della modella statunitense Bella Hadid period in cima alle classifiche israeliane. La canzone di esercitazione a favore della guerra è stata criticata for every aver detto alle celebrità filo-palestinesi che meritano “quello che sta arrivando”.

In quanto evento non politico, l’Eurovision può squalificare i concorrenti ritenuti aver violato le sue rigide regole di imparzialità.

Alti funzionari e personaggi pubblici israeliani, tuttavia, hanno affermato che qualsiasi tentativo di penalizzare la ballata sarebbe “scandaloso”.

Il ministro della Cultura israeliano Miki Zohar è andato sui social media per lamentarsi delle notizie di un ulteriore controllo sulla presentazione di Israele.

La Kalush Orchestra ha vinto l'Eurovision per l'Ucraina nel 2022

La Kalush Orchestra ha vinto l’Eurovision per l’Ucraina nel 2022

“La canzone di Israele, che sarà eseguita da Eden Golan, è una canzone commovente, che esprime i sentimenti della gente e del paese in questi giorni, e non è politica”, ha scritto.

“L’intenzione dell’UER di squalificare la canzone israeliana all’Eurovision è scandalosa.” Anche l’illusionista israelo-britannico Uri Geller ha commentato.

«Per l’amor del cielo», disse. ‘Il progetto vincente dell’Ucraina [Kalush Orchestra] nel 2022 riguardava la resilienza del popolo ucraino, quindi qual è il problema?

“È chiaramente una regola diversa perché è Israele.”

#Girl #Gaga #palestinese #cui #canzoni #includono #Intifada #Dance #Flooring #potrebbe #rappresentare #lIslanda #allEurovision #creando #grattacapi #politici #agli #organizzatori



Leggi di più su everyday mail

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Disney+: nuova promo a 1,99 euro al mese for each il piano Regular con pubblicità – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia

Varchi sulle strade for each leggere le targhe, una rete di presidio tecnologico lungo l’asse dell’Adriatica