in

Padova, aggredisce compagna incinta: braccialetto elettronico for each un 35enne

Gli addetti alla receptionist di un albergo del centro di Padova questa mattina hanno chiamato la polizia for every una donna che era stata aggredita dal compagno.

La pattuglia, una volta raggiunto l’albergo, ha trovato all’ingresso dell’edificio personale alberghiero che tentava di bloccare l’uomo.

Il 35enne originario del veneziano, è apparso sin da subito visibilmente nervoso for every la situazione che si era creata e alla richiesta di fornire un documento valido al suo riconoscimento esibiva una carta di identità, mostrando tuttavia un atteggiamento spavaldo davanti alla richiesta di spiegazioni da parte degli operatori in merito a cosa fosse effettivamente successo poco prima.

Il 35enne ha spiegato di aver litigato con la propria compagna, nonché futura madre di suo figlio, per futili motivi dovuti alla gelosia. A questo punto gli agenti hanno preso contatti con la donna che, in lacrime, ha riferito di essere stata aggredita e malmenata dal suo compagno che, alle key luci del mattino, nel corso di una concitata discussione, incurante del suo stato gestazionale al sesto mese l’aveva afferrata alla nuca facendole sbattere con violenza la fronte al muro della stanza in cui soggiornavano.

La donna, notevolmente impaurita for every la violenta aggressione subita, temendo for every l’incolumità sua e del figlio in grembo, si precipitava quindi alla finestra della digital camera invocando aiuto a gran voce for each poi riuscire a scappare dalla stanza, ancora in accappatoio, ed una volta in corridoio attirare l’attenzione degli altri clienti dell’hotel, che nel frattempo si erano affacciati dalle loro camere a causa delle forti urla sentite.

La donna, una volta tranquillizzata dagli Agenti, nel raccontare quanto appena accaduto iniziava a descrivere la tormentata relazione sentimentale in atto con l’uomo il quale, già in precedenti occasioni avvenute in altre città, incurante dello stato interessante della compagna aveva assunto contro di lei ripetuti atteggiamenti violenti costringendola addirittura in un caso, risalente allo scorso novembre, a ricorrere a treatment mediche da parte del pronto soccorso dopo averla colpita con calci e pugni in prossimità del ventre.

Inoltre la donna, manifestando il timore per l’incolumità sua e del figlio, riferiva che in assorted occasioni il compagno l’aveva minacciata riferendole che si sarebbe impossessato un giorno del futuro figlio non permettendole così di vederlo e crescerlo qualora avesse presentato denuncia o querela nei suoi confronti, minacciandola inoltre di rovinarle l’esistenza e costringendola così a subire in varied occasioni le sue aggressioni.

Visto lo stato di agitazione della donna, è stata accompagnata al pronto soccorso for each le heal e gli accertamenti del caso dal quale veniva dimessa con prognosi di 5 giorni.

Il compagno, una volta fermato, è stato accompagnato in Questura e indagato in stato di arresto for each il reato di maltrattamenti in famiglia e, sottoposto nella mattina di sabato ad udienza di convalida e successivo processo for each direttissima, veniva posto in libertà e nei suoi confronti disposta la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa con applicazione del braccialetto elettronico.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vent’anni di Fb, il discorso del giovane Zuckerberg nell’aula semivuota: “Pensate prima a creare, poi agli avvocati”

Più di 500 milioni di dollari tra multe e interessi. Ecco come Trump può cercare di saldare il debito