in

“E’ Andreea Rabciuc, la 27enne scomparsa nel 2022”. Jesi, un mucchio di ossa, pezzi di un giubbotto e degli scarponcini neri

Un cadavere ormai ridotto advertisement un mucchio di ossa e alle estremità un paio di scarponcini neri. Proprio appear quelli che indossava Andreea Rabciuc la notte del 12 marzo di due anni fa quando si allontanò da una roulotte nelle campagne di Jesi, in provincia di Ancona, dove aveva passato la serata con tre amici e il fidanzato con cui aveva litigato. Anche quel che resta di un giubbotto bianco, ritrovato lì accanto, sembra compatibile con la descrizione degli abiti che la 27enne ragazza di origine romena indossava quella notte.

È lei, dunque, Andreea Rabciuc, la ragazza introvabile, un giallo aperto da thanks anni, unico indagato nell’inchiesta aperta dalla Procura di Ancona prima per sequestro di persona e poi per omicidio il fidanzato Simone Gresti. L’hanno trovata ieri pomeriggio in un casolare di Castelplanio, non lontano dal distributore di benzina, a meno di un chilometro dal luogo della scomparsa, dopo la segnalazione del proprietario andato a prendere della legna.

Il casolare era già stato ispezionato

E ora ci si chiede: ma se quei resti appartengono davvero ad Andreea, com’è possibile che siano stati trovati solo ora? Il cadavere in avanzatissimo stato di decomposizione lascia presumere che si trovasse lì da tanto tempo. Possibile che quel luogo così vicino al casolare dove si period svolta la festa e dove Andreea Rabciuc è stata vista per l’ultima volta la sera dell’11 marzo, non sia mai stato ispezionato dalle forze dell’ordine?

Il fratello del proprietario del casolare dice: «I resti erano in una stanza pericolante dove di solito non entriamo mai. Ma sono sicuro che il casolare, all’epoca della scomparsa della ragazza, è stato ispezionato dai carabinieri». E allora? Il corpo di Andreea è stato portato lì in seguito?.

Difficile stabilire le induce della morte

Sarà l’esame dei medici legali, il confronto del Dna con quello recuperato a casa della vittima a dare la certezza che si tratti di lei. Ma i carabinieri del reparto operativo di Ancona guidato dal tenente colonnello Emanuele Fanara e la pm Irene Bilotta, arrivata ieri pomeriggio nel luogo del ritrovamento, ne sono abbastanza certi. Gli abiti e le scarpe sono quelli di Andreea. E sarà assai difficile stabilire la data esatta della morte e soprattutto le trigger.

Il fidanzato indagato è sotto choc

A dare la notizia a Simone Gresti,44 anni, il fidanzato di Andreea, unico sospettato che ha sempre respinto ogni accusa, l’avvocato Emanuele Giuliani, anche lui sul luogo del ritrovamento. «Non mi aspettavo questo epilogo ed è davvero incredibile che il corpo possa essere stato trovato a pochi passi dal luogo della scomparsa. Ho chiamato Simone ed è sotto choc».

Campionessa di tiro con l’arco, Andreea abitava a Jesi con la madre. Il suo rapporto con Gresti, che andava avanti da sette mesi, era assai turbolento ma l’uomo ha sempre negato ogni coinvolgimento nella sua scomparsa.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il primo “AI Phone” di Samsung è una questione di alleanze, costi e rispetto

L’ironia di Zelensky: “Trump ha un piano di pace? Allora lo invito a Kiev”