in

Anche il Giappone arriva sulla Luna. Si è posata al suolo la sonda Slim, la più precisa di sempre


Laddove gli americani hanno fallito dieci giorni fa, i giapponesi sono riusciti oggi. Con un grande passo per il sol levante, la navicella Slim si è appoggiata sul suolo della Luna. For every ora si sa che l’atterraggio è stato morbido e che il lander (cioè il modulo destinato a toccare la superficie) è arrivato tutto intero. Ha fatto arrivare a Terra la sua voce, ma sta facendo preoccupare gli ingegneri perché i suoi pannelli solari non stanno generando energia.

Proprio ieri sera la navicella americana Peregrine, lanciata l’8 gennaio, aveva fatto ritorno verso la Terra dopo aver fallito l’obiettivo. Una fuga di carburante scoperta subito dopo il lancio ne ha azzoppato le ambizioni ed è bruciata nell’atmosfera lasciando un senso di fallimento nel programma spaziale degli Stati Uniti.

La gioia degli scienziati di Jaxa

 (reuters)

Tutt’altra emozione si respira in Giappone: il quinto paese a toccare il suolo lunare almeno con una sonda (Trim non ha astronauti) dopo Stati Uniti, Unione Sovietica, Cina e India (ultima arrivata lo scorso agosto).

Anziché affidarsi ad aziende private appear Peregrine, Slender (Wise Lander for Investigating Moon) è stata costruita dall’Agenzia spaziale di Tokyo, la Jaxa, anche se uno dei suoi robot è stato in realtà creato da una ditta di giocattoli. Un lander costruito da un’azienda privata giapponese aveva fallito l’allunaggio, schiantandosi al suolo, advertisement aprile dell’anno scorso.

Slim prima della partenza

Trim prima della partenza

 (afp)

Stabilito che l’allunaggio morbido è avvenuto giovedì alle 16 e 20, alla Jaxa resta un dubbio importante da sciogliere. Trim infatti è capace (in teoria) di atterrare entro cento metri dal punto prefissato. Finora l’errore tollerato dagli altri lander period stato di una decina di chilometri.

Ci vorranno dei take a look at ulteriori for each capire se Slender ha davvero centrato il fondo del cratere verso il quale period diretta. Ma il Giappone sta studiando da almeno vent’anni la sua tecnologia per gli atterraggi di precisione. Nel 2014 un’altra missione della Jaxa era riuscita a poggiarsi su un asteroide chiamato Ryugu, non più lungo di 900 metri, riportando sulla Terra preziosi campioni di roccia.

Il robot Lev-2 che si trova a bordo di Slim ed è incaricato di esplorare il suolo lunare. E' ispirato a un giocattolo 

Il robotic Lev-2 che si trova a bordo di Slender ed è incaricato di esplorare il suolo lunare. E’ ispirato a un giocattolo 

 (reuters)

Qui, nella depressione chiamata Shioli, vicino all’equatore e sul lato visibile del satellite, si ritiene che esistano risorse essenziali per una futura missione umana permanente, appear acqua e minerali utili for each la costruzione di una base abitata.

Anche la Nasa statunitense progetta un insediamento lunare. Ma il suo programma battezzato Artemis ha subito dei ritardi rispetto all’agenda originaria. Il prossimo uomo con la bandiera a stelle e strisce dovrebbe tornare a calpestare la polvere lunare nel 2026.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’intreccio virtuoso tra Open up Supply e Intelligenza Artificiale: innovazione condivisa

Incendio nel dormitorio di una scuola in Cina, 13 i morti