in

Gli influencer e le parole che abbiamo perduto

L’Italia ha un grande problema: non sono i salari troppo bassi, gli abbandoni scolastici, i femminicidi e nemmeno i migranti. Sono gli influencer. Questi giovani che usano i social meglio di tutti, hanno un seguito enorme e ci guadagnano anche facendo pubblicità a prodotti vari senza che sia sempre chiaro che si tratta di pubblicità. Ma adesso quella terribile piaga sociale verrà sanata perchè al posto della criptica scritta “adv”, che sta for every advertising and marketing, i submit degli influencer con più di un milione di follower dovranno recare la scritta “pubblicità”, tutto in maiuscolo. Questa misura, adottata con grandi squilli di tromba dall’Agenzia delle comunicazioni, non c’entra nulla con il famoso caso del pandoro di Chiara Ferragni, perché quella period proprio una pubblicità dichiarata, quello che non c’era period la beneficenza (ma le foto di Chiara Ferragni oggi occur ogni giorno ormai campeggiano ovunque perché in questo momento il tiro alla Ferragni porta clic, fa ascolti). Vedremo l’impatto di queste nuove regole sul mercato, ma vale la pena di riflettere sul fatto che il vero problema che abbiamo con gli influencer forse non è la pubblicità occulta, visto che è quasi sempre palese ma il modello culturale che c’è dietro questa professione. Il fatto che con il successo passi l’idea che nella vita non occorra lavorare (e invece anche l’influencer fa un lavoro) e prima ancora, che non occorra studiare.

Passa l’idea che for every fare i soldi, vero totem di buona parte delle nuove generazioni, basti essere un po’ simpatici e cavarsela davanti ad una telecamera dello smartphone. Quello che ci stiamo perdendo insomma è il valore della fatica: la fatica e la meraviglia di apprendere, di crescere, di migliorare e anche di guadagnarsi da vivere onestamente. Passa l’idea che ci sia una scorciatoia verso il successo for each tutti. Un po’ occur quando i ragazzini sognavano di fare i calciatori e diventare ricchi. Ma i social questa opportunità sembrano poterla promettere a quasi tutti. E noi abbiamo perso le parole per dire ai nostri figli che studiare è importante.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La letteratura ambientale entra nelle scuole superiori di Rimini con l’associazione Futuro Verde Asp

Trentino, uccide la compagna e si suicida: la coppia aveva tre bambini