in

Austria, cabinovia si schianta in Tirolo: quattro feriti gravi

Drammatico incidente in Tirolo: questa mattina una cabinovia si è schiantata nella località sciistica austriaca di Hochoetz. Al momento dell’incidente nella cabina dell’Acherkogelbahn si trovavano quattro persone appartenenti alla stessa famiglia proveniente dalla Danimarca, che secondo le informazioni della polizia sono ferite gravemente.

Al momento è escluso un difetto tecnico, riferiscono all’unanimità i media austriaci. Secondo quanto riporta il Tiroler Tageszeitung, a causare la tragedia sarebbe stato un albero caduto sulla fune della cabinovia.

La dinamica

Secondo la polizia intorno alle 10:22 la cabinovia da otto passeggeri dell’Acherkogelbahn sarebbe caduta a causa di un albero. Al momento dell’incidente, la cabina era sospesa a sette metri di altezza. In ogni caso, la polizia ha sottolineato che apparentemente non si trattava di un difetto tecnico, secondo una ricostruzione dell’emittente pubblica ORF.

Stando alle notizie riferite dai soccorritori, tutti e quattro gli occupanti della cabinovia sono rimasti gravemente feriti. Non si è ancora saputo nulla sull’identità dei feriti, ma sarebbero tutti membri della stessa famiglia danese: padre, figlio, figlia e uno zio. Lo schianto sarebbe avvenuto tra l’ottavo e il nono pilone della ferrovia, quindi all’incirca al centro della Acherkogelbahn.

Secondo la compagnia degli impianti di risalita la funivia è momentaneamente fuori servizio. Tutti gli altri ospiti sono stati portati in montagna o a valle. Le attività sciistiche continuano nel resto del comprensorio.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

By using il termine “signori” alla Consulta: così cambia la dicitura delle sentenze

Concorso scuola, la protesta dei precari di Bologna: pacchi davanti al Provveditorato. “Non è un regalo, solo 30 mila posti, ma noi siamo 200 mila. E dobbiamo pure pagare”