in

L'”amministratore delegato” di Hamas che ha pagato gli stupratori e assassini del 7 ottobre: ​​l’ex leader della banda Zaher Jabarin gestisce le operazioni finanziarie del gruppo terroristico dall’ufficio turco e gestisce un impero da mezzo miliardo di dollari


Nella sua missione per sradicare Hamas, Israele ha promesso di dare la caccia a tutti i membri del gruppo terroristico coinvolto nell’attacco del 7 ottobre, non importa dove si trovino.

Proprio questa settimana, il vice capo del gruppo sostenuto dall’Iran è stato ucciso in un presunto attacco israeliano nella capitale libanese, Beirut, dimostrando che Israele non ha paura di colpire obiettivi al di fuori dei territori palestinesi di Gaza e della Cisgiordania.

E nei commenti di mercoledì, il capo dei servizi segreti israeliani del Mossad ha suggerito che il paese sarebbe disposto ad andare oltre.

Mentre si ritiene che un piccolo numero dei suoi chief militari sia ancora all’interno della stessa Striscia di Gaza, altri si stanno rifugiando in altri stati arabi, occur il Qatar e la Turchia.

E sebbene ci siano membri più anziani nella struttura organizzativa di Hamas, si ritiene che uno in particolare abbia consentito finanziariamente l’attacco mortale del 7 ottobre proveniente da fuori Gaza: Zaher Jabarin, il “CEO di Hamas”.

Zaher Jabarin, 55 anni, dirige l’impero finanziario di Hamas, stimato in mezzo miliardo di dollari, e che finanzia le operazioni militari del gruppo.

Secondo la pubblicazione, si ritiene che l'influenza di Jabarin sia così grande che funzionari della sicurezza statunitensi e israeliani credono che abbia permesso ad Hamas di pagare le armi e gli stipendi dei suoi combattenti che hanno organizzato lo scioccante attacco del 7 ottobre (nella foto).

Secondo la pubblicazione, si ritiene che l’influenza di Jabarin sia così grande che funzionari della sicurezza statunitensi e israeliani credono che abbia permesso advert Hamas di pagare le armi e gli stipendi dei suoi combattenti che hanno organizzato lo scioccante attacco del 7 ottobre (nella foto).

Jabarin, 55 anni, dirige l’impero finanziario di Hamas che si stima valga mezzo miliardo di dollari e che finanzia le operazioni militari del gruppo.

Gestisce le relazioni finanziarie del gruppo terroristico con l’Iran – il suo principale benefattore – e gestisce il processo di trasferimento di denaro da Teheran alla Striscia di Gaza, dicono i funzionari.

Il gruppo lo fa tramite trasferimenti di denaro utilizzando il sistema informale hawala e, più recentemente, criptovalute, riporta il Wall Road Journal.

Oltre a ciò, si occupa anche di un portafoglio di aziende che forniscono entrate annuali a Hamas, oltre a gestire una rete di donatori privati ​​e uomini d’affari che investono nel gruppo islamico che è determinato a distruggere Israele.

Di conseguenza, nel 2019 è stato sanzionato personalmente dagli Stati Uniti, ma ha comunque potuto continuare a operare.

Secondo la pubblicazione, si ritiene che la sua influenza sia così grande che funzionari della sicurezza statunitensi e israeliani ritengono che abbia consentito advertisement Hamas di pagare le armi e gli stipendi dei suoi combattenti che hanno organizzato lo scioccante attacco del 7 ottobre.

Uomini armati pesantemente armati hanno assalito il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone e rapindone altre 240, trascinandole a Gaza.

Secondo il Ministero della Sanità guidato da Hamas, la campagna di ritorsione di Israele ha ucciso più di 22.400 persone, più di owing terzi dei quali donne e bambini.

“Jabarin ha svolto un ruolo enorme perché gestisce tutte le finanze di Hamas fuori Gaza”, ha detto al Journal Uzi Shaya, un ex funzionario della sicurezza israeliano che ha condotto ricerche sulla finanza illecita. “Jabarin è l’amministratore delegato di Hamas.”

Jabarin era vicino a Saleh al-Arouri, il funzionario di Hamas ucciso martedì in un attacco di precisione a Beirut, attribuito a Israele.

Insieme, Jabarin e Arouri hanno contribuito a fondare l’ala militare di Hamas in Cisgiordania – le Brigate Izz advertisement-Din al-Qassam – ed entrambi hanno legami con l’Iran.

Arouri ha anche scritto l’introduzione a un libro che Jabarin ha pubblicato dopo il suo rilascio dal carcere nel 2011, appear parte di uno scambio di prigionieri che ha visto Israele scambiare 1.000 detenuti palestinesi con un soldato israeliano.

Anche Yahya Sinwar, l’attuale leader di Gaza, è stato rilasciato in base allo stesso accordo.

“I giorni non hanno indebolito la sua determinazione”, ha scritto Arouri di Jabarin, riporta il Journal. “Sta continuando, a Dio piacendo, a completare questo viaggio, che è il percorso del jihad.”

Martedì, persone si sono radunate davanti a un edificio danneggiato a seguito di una massiccia esplosione nel sobborgo meridionale di Dahiyeh, in Libano.  Il presunto attacco israeliano ha ucciso Saleh al-Arouri – il vice capo del gruppo sostenuto dall’Iran – dimostrando che Israele non ha paura di colpire obiettivi al di fuori dei territori palestinesi di Gaza e della Cisgiordania.

Martedì, persone si sono radunate davanti a un edificio danneggiato a seguito di una massiccia esplosione nel sobborgo meridionale di Dahiyeh, in Libano. Il presunto attacco israeliano ha ucciso Saleh al-Arouri – il vice capo del gruppo sostenuto dall’Iran – dimostrando che Israele non ha paura di colpire obiettivi al di fuori dei territori palestinesi di Gaza e della Cisgiordania.

Saleh al-Arouri è stato ucciso nell'ictus avvenuto a Beirut in quello che si ritiene sia stato un attacco israeliano

Saleh al-Arouri è stato ucciso nell’ictus avvenuto a Beirut in quello che si ritiene sia stato un attacco israeliano

Israele ha promesso di dare la caccia a tutti i leader di Hamas responsabili dell'attacco terroristico del 7 ottobre.  Nella foto: Yahya Sinwar, capo dell'ala politica del movimento palestinese Hamas nella Striscia di Gaza, partecipa a una manifestazione a sostegno della moschea al-Aqsa di Gerusalemme nella città di Gaza nel 2022

Israele ha promesso di dare la caccia a tutti i chief di Hamas responsabili dell’attacco terroristico del 7 ottobre. Nella foto: Yahya Sinwar, capo dell’ala politica del movimento palestinese Hamas nella Striscia di Gaza, partecipa a una manifestazione a sostegno della moschea al-Aqsa di Gerusalemme nella città di Gaza nel 2022

Secondo il suo libro, visto dal Journal, Jabarin è nato nel 1968 ed è cresciuto a Salfit, una città nel nord della Cisgiordania.

Ha scoperto la religione da ragazzo e ha frequentato la moschea locale, leggendo le opere del fondatore dei Fratelli Musulmani di cui Hamas è un ramo.

Secondo un’intervista rilasciata, nella tarda adolescenza guidò una banda chiamata “The Capturing Squads” e si unì alla rivolta del 1987 contro Israele, conosciuta come la prima intifada. Ha detto al giornale Felesteen di aver scritto graffiti contro l’occupazione a Salfit.

Ma presto si rivolse a mezzi più violenti, procurandosi armi, alcune delle quali acquistò prendendo in prestito denaro da sua madre.

Il Journal riporta che uno dei suoi primi contributi ad Hamas fu il reclutamento di un palestinese di nome Yahya Ayyash, che imparò a costruire ordigni esplosivi.

Jabarin fu arrestato nel 1996 for every l’uccisione di un soldato israeliano, fu condannato for each omicidio e condannato all’ergastolo.

Mentre era dietro le sbarre, ha imparato l’ebraico, ha studiato for every una laurea e ha iniziato a scrivere il suo libro, pubblicato l’anno dopo il suo rilascio nel 2011.

Nel frattempo, durante i suoi 15 anni di prigionia, Hamas è cresciuto fino a diventare il gruppo che è oggi: una fazione popolare in Cisgiordania e Gaza e un’organizzazione terroristica riconosciuta a livello internazionale che ha preso il controllo della fascia costiera nel 2007.

Ciò gli ha permesso di imporre tasse a Gaza, aumentando la sua capacità di raccogliere fondi.

Quando Jabarin fu rilasciato, Hamas aveva creato una rete di società che fornivano al gruppo le entrate di cui aveva bisogno, nonché un metodo con cui riciclare denaro in modo che non fosse associato al gruppo for every evitare sanzioni.

Funzionari statunitensi affermano che la base operativa era inizialmente a Jeddah, in Arabia Saudita.

Lì, si dice che Hamas abbia trasferito milioni di dollari dall’Iran alle sue operazioni militari a Gaza. Tuttavia, sotto la pressione imposta dagli Stati Uniti, l’Arabia Saudita ha costretto i funzionari finanziari di Hamas ad abbandonare la capitale del paese.

Ma presto trovarono una nuova casa sotto forma di Turchia.

L’ufficio finanziario di Hamas ha ora sede in un edificio a Istanbul dove il gruppo detiene partecipazioni in società, comprese azioni di una società immobiliare quotata alla borsa turca, secondo il Wall Street Journal, citando le sanzioni statunitensi.

Jabarin ha eluso for every anni le sanzioni occidentali for each utilizzare i sistemi finanziari in Arabia Saudita, Libano, UEA, Sudan e Turchia for every fondare società e trasferire denaro nelle mani di Hamas, ha detto una fonte al Journal.

Gli Stati Uniti gli hanno imposto sanzioni direttamente nel 2019, affermando che era diventato l’architetto dietro “una rete finanziaria che ha permesso ad Hamas di raccogliere, investire e riciclare ingenti somme di denaro” dal quartier generale in Turchia.

Pochi anni dopo, gli Stati Uniti hanno affermato che Jabarin, in collaborazione con altri funzionari di Hamas, aveva sviluppato un portafoglio immobiliare che costituisce la maggior parte dei beni del gruppo in tutto il mondo, per un valore di 500 milioni di dollari.

La macchina finanziaria di Hamas è, infatti, così forte che funzionari negli Stati Uniti e in Israele temono che, anche se il gruppo venisse sconfitto sul campo di battaglia di Gaza, Hamas avrà ancora profonde casse a cui attingere for every continuare gli attacchi e ricostruire.

E nella Gaza colpita dalla povertà, la promessa di uno stipendio regolare da parte di Hamas significa che il gruppo è in grado di reclutare facilmente più soldati per la sua causa.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di sradicare Hamas e la sua leadership

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di sradicare Hamas e la sua leadership

In un’intervista, Jabarin ha detto al giornale che considera un “onore ottenere fondi for each Hamas”, ma ha negato il proprio coinvolgimento nella raccolta di fondi per il gruppo.

Ammette di significantly parte ora di Hamas appear partito politico, e non delle Brigate militari al-Qassam dell’organizzazione.

Politicamente, ha spiegato alla pubblicazione, Hamas ha rapporti con molti paesi tra cui Turchia, Iran e Russia, ma allontana il gruppo dall’ala militare.

“Israele cerca di mischiare mele e arance”, ha detto, secondo il Journal. “Al-Qassam ha i suoi legami, molto lontani da Hamas, il partito politico.”

#Lamministratore #delegato #Hamas #che #pagato #gli #stupratori #assassini #del #ottobre #lex #chief #della #banda #Zaher #Jabarin #gestisce #operazioni #finanziarie #del #gruppo #terroristico #dallufficio #turco #gestisce #impero #mezzo #miliardo #dollari



Leggi di più su each day mail

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fastweb Mobile Full 200 Giga e Mobile Maxi 300 Giga: nuova promo con 2 mesi gratis – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia

Sicurezza sulle strade, in arrivo otto VeloCity for every rilevare la velocità e nuovi dissuasori