in

Pistorius, rilasciato. Il campione esce dal carcere dopo 8 anni


Fuori dal carcere, appena 11 anni dopo aver ucciso la compagna. L’atleta sudafricano Oscar Pistorius è stato rilasciato in gran segreto sulla parola: aveva sparato alla sua ragazza Reeva Steenkamp a San Valentino del 2013.

C’erano decine di troupe televisive, fotografi e giornalisti riuniti fuori dai cancelli del centro correzionale di Atteridgeville, nella capitale Pretoria, prima delle 6 del mattino. Ma nessuno ha visto il campione paralimpico. Hanno scoperto dai funzionari “che è già a casa ed è stato rilasciato quando non c’erano nessuno”

(reuters)

Funzionari del Dipartimento penitenziario avevano detto che l’ora del rilascio non sarebbe stato annunciato in anticipo e non ci sarebbe stata la “sfilata”: sono riusciti a tenerlo lontano dall’attenzione dei media. Lo hanno probabilmente portato dalla prigione all’ufficio del dipartimento penitenziario for each essere processato. Inizialmente dovrebbe essere ospitato nella villa di suo zio, a Pretoria, dove ha vissuto durante il processo for every omicidio ed è stato tenuto agli arresti domiciliari per un periodo nel 2015-2016.

(reuters)

La libertà vigilata a novembre

A Pistorius è stata approvata la libertà vigilata a novembre, la seconda volta che aveva presentato domanda. Ha scontato quasi 9 dei suoi 13 anni e 5 mesi di condanna: in Sud Africa si ha diritto alla libertà vigilata dopo aver scontato almeno la metà della pena.

Niente alcol e niente interviste: le restrizioni

Il campione paralimpico vivrà in condizioni rigorose fino alla scadenza della sua pena nel dicembre 2029.

Alcune delle condizioni includono restrizioni sul permesso lasciare la sua casa, il divieto di consumare alcol e l’ordine di frequentare programmi sulla gestione della rabbia e sulla violenza contro le donne. Dovrà svolgere servizio alla comunità.

Pistorius dovrà inoltre incontrare regolarmente i funzionari per la libertà vigilata a casa sua e negli uffici dei servizi penitenziari e sarà sottoposto a visite senza preavviso da parte delle autorità. Non gli è permesso lasciare il distretto di Waterkloof senza permesso e gli è vietato parlare ai media fino alla high-quality della pena. Potrebbe essere rimandato in prigione se viola una qualsiasi delle sue condizioni sulla libertà vigilata. Il Sud Africa non usa braccialetti elettronici, quindi Pistorius non indosserà alcun dispositivo, ma sarà costantemente monitorato da un funzionario del dipartimento incaricato del suo caso e dovrà informare il funzionario di eventuali cambiamenti importanti nella sua vita, advert esempio se vuole trovare un lavoro o trasferirsi in un’altra casa.

Il delitto

Pistorius sostiene di aver sparato for every errore alla modella, credendo che fosse un ladro nascosto nel bagno: ha sparato più volte attraverso la porta con la sua pistola da 9 mm autorizzata per legittima difesa. Mentre for each i pubblici ministeri ha ucciso intenzionalmente la sua ragazza durante una discussione a tarda notte.

La famiglia di Steenkamp non si è opposta alla sua richiesta di libertà vigilata a novembre, anche se sua madre, June Steenkamp, ha affermato che non crede che Pistorius sia completamente riabilitato e che stia ancora mentendo sull’omicidio.

Pistorius fu inizialmente giudicato colpevole di omicidio colposo – un’accusa paragonabile a omicidio colposo – e condannato a 5 anni di prigione. Dopo gli appelli dei pubblici ministeri, alla fantastic è stato dichiarato colpevole di omicidio e la sua pena è stata aumentata. È stato mandato in prigione per la prima volta nel 2014, rilasciato ai domiciliari nel 2015 e rimandato in prigione nel 2016.

La madre di Reeva: “Siamo noi all’ergastolo”

La madre della vittima, June Steenkamp, ha dichiarato in un comunicato: “Le condizioni imposte dal comitato for each la libertà vigilata, che includono corsi di gestione della rabbia e programmi sulla violenza di genere, inviano un chiaro messaggio che la violenza di genere viene presa sul serio”. Ma chiedendosi se è stata fatta giustizia, la donna ha risposto che “non potrà mai esserci giustizia se la persona amata non tornerà mai più, e nessuna quantità di tempo scontato riporterà indietro Reeva. Noi, che rimaniamo indietro, siamo quelli che scontano l’ergastolo”.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lotteria Italia: primo premio da 5 milioni a Milano

La Fortitudo schianta Udine, finisce 68-54. PalaDozza in estasi