in

Barbie, Mare Fuori e gli altri film e serie che abbiamo visto di più in streaming nel 2023

Barbie, Mare Fuori e gli altri film e serie che abbiamo visto di più in streaming nel 2023
Barbie, Mare Fuori e gli altri film e serie che abbiamo visto di più in streaming nel 2023


Nell’ordine: Barbie, il secondo Avatar e Le 8 montagne sul podio dei film più visti dagli italiani in streaming nel 2023 e Mare Fuori, Mercoledì e The Last of Us a dominare fra le serie tv dell’anno.

Le classifiche, in assenza di graduatorie ufficiali delle varie piattaforme (che difficilmente le comunicano, chissà perché), sono state compilate da JustWatch, app e sito che funziona come un motore di ricerca per i contenuti, aiutando facilmente a capire dove vedere il film o il serial che si vorrebbe vedere. JustWatch ha oltre 40 milioni di utenti mensili, sulla cui attività si basa la compilazione di questi indici di gradimento.

Classifiche

Scienza, fantascienza, IA e videogiochi: 10 film e serie in cui domina la tecnologia


Streaming: le classifiche del 2023 in Italia

Leggendo fra le righe delle due Top Ten si ricavano alcune informazioni interessanti: non c’è il discusso Il mondo dietro di te, che però è saldamente il più visto di tutti nel mese di dicembre, ma c’è Barbie, che fra l’altro è l’unico contenuto di Infinity Plus ma permette alla piattaforma di Mediaset di conquistare il gradino più alto del podio.

Come si vede, la graduatoria dei lungometraggi è dominata da Amazon Prime Video e da Disney Plus, con la differenza che la seconda ha tutti i suoi 4 titoli in esclusiva, iniziando da Avatar 2: La via dell’acqua (come del resto su Italian Tech avevamo immaginato). Fa piacere vedere come Le 8 montagne sia riuscito a superare il mediocre John Wick 4, nonostante una campagna pubblicitaria martellante, e anche che nella Top Ten dei film ci sia pure Paramount Plus grazie a Babylon, che è oggettivamente troppo lungo ma anche molto bello. Nella lista non figura Oppenheimer, ma solo perché il film di Nolan è in streaming da pochi giorni e per ora è pure a pagamento.

Un contenuto che invece è in streaming da parecchio (ormai da oltre 13 mesi) è Mercoledì, che evidentemente continua ad attirare appassionati ed è al secondo posto della classifica delle serie più viste in streaming in Italia nel 2023. Segue l’italiana Mare Fuori, che sta conoscendo una seconda giovinezza dopo l’arrivo su Netflix, in una graduatoria dominata proprio dal colosso di Los Gatos e che sembra vivere un po’ di revival.

Oltre a Mare Fuori e Mercoledì, che appunto non sono due contenuti freschissimi, in posizioni alte ci sono pure Il Trono di Spade, forse sulla scia degli spin-off e nonostante le deludenti stagioni finali, South Park e anche The Mandalorian e L’attacco dei giganti (qui la nostra guida per vederla su Crunchyroll), che hanno beneficiato di alcuni aggiornamenti nel corso dell’ultimo anno.

I dati dei 18.200 contenuti presenti su Netflix

Del resto, il concetto di revival e di rewatch sembra fondamentale quando si parla di streaming. Soprattutto, quando si parla di fare i numeri di cui le piattaforme hanno bisogno per stare in piedi.

Una classifica che lo dimostra in effetti c’è, perché quando abbiamo scritto che le aziende “difficilmente comunicano queste informazioni”, siamo stati imprecisi. Una che ha iniziato a farlo è Netflix, storicamente abituata a fare da apripista in un settore tanto inesplorato quanto delicato (è stato così anche per i piani con pubblicità e il maggiore controllo sulla condivisione delle password): a inizio dicembre, la compagnia di Reed Hastings ha reso pubblici i dati di visione di praticamente tutto il suo catalogo. Non quelli di tutti i tempi o magari quelli del 2023, ma quelli dei primi 6 mesi del 2023. Che è una cosa strana e incomprensibile sin che non li vedi, questi dati.

Il documento, che è disponibile online e riguarda tutto il mondo, è un gigantesco file Excel lungo oltre 18mila righe (per la precisione, 18.221) e diviso in 4 colonne: il titolo del film o della serie, l’eventuale disponibilità sul mercato globale, la data di uscita e le ore di visione complessive. È immaginabile che sia servito parecchio tempo per realizzarlo e anche si capisce perché il documento non comprenda il resto dei mesi dell’anno: non ci sono ancora tutti, ovviamente. Da Netflix Italia ci hanno comunque anticipato che d’ora in avanti la pubblicazione di questo report dovrebbe avvenire due volte l’anno.

Scorrerlo riserva non poche sorprese, sin da subito: nel primo semestre del 2023, il contenuto più guardato su Netflix è stata la serie The Night Agent, che in appena 3 mesi (fra fine marzo e fine giugno) ha raccolto oltre 812 milioni di ore di visione. Non solo sono tantissime, ma anche sono 150-200 milioni di ore di visione in più rispetto alle serie che stanno subito sotto. Che fra l’altro confermano quello che si diceva su quanto contino il rewatch e il tenere gli spettatori legati quando si parla di streaming: praticamente nessuna delle serie presenti nelle prime 10 posizioni è una produzione originale del 2023, al limite è la nuova stagione di una serie uscita nel 2022 o nel 2021. E così, in seconda e nona posizione ci sono la stagione 2 e la stagione 1 di Ginny & Georgia (cui si riferisce la foto in cima alla pagina, 665 e 302 milioni di ore di visione), in terza c’è la coreana The Glory (quasi 663 milioni di ore) e in quarta resiste la già citata Mercoledì (poco meno di 508 milioni di ore di visione nei primi 6 mesi dell’anno).

Come si capisce, visto che la metrica scelta da Netflix ha a che fare con le ore totali di visione, le serie sono favorite, perché magari sono composte da 8, 10, 15, 25, 50 puntate da 40, 50, 70 minuti ciascuna: il primo film che compare nella lista è infatti al 14esimo posto (è il trascurabile The Mother con Jennifer Lopez, circa 250 milioni di ore) e in generale più o meno tutti i lungometraggi stanno in basso o molto in basso, a prescindere dalla loro effettiva qualità.

youtube: il trailer di The Glory

Innovazione

Cassandra, il film sull’intelligenza artificiale scritto con l’intelligenza artificiale



Lo streaming che vediamo non è quello di cui parliamo

Il gigantesco file di Netflix è un po’ come un labirinto in cui è piacevole perdersi, da scorrere o anche da consultare servendosi della funzione Cerca per trovare i film e le serie che si amano di più e capire in che posizione stanno.

Così si scopre, per esempio, che proprio Mare Fuori sta alla posizione 599 (31 milioni di ore, nonostante che non sia disponibile in tutto il mondo), che Ethos, la bella serie turca dedicata alla psicologia, è oltre la posizione 7600 e ha appena 1 milione di ore di visione o che grandi classici come Breaking Bad e Better call Saul, forse fra i serial migliori di sempre, stanno intorno all’80esimo posto.

Ci si rende conto anche di altro: ci si rende conto che i film e le serie di cui dibattiamo sui social e di cui parlano i giornali, non sono quello che poi le persone guardano. Ci si rende conto che c’è un curioso scollamento fra quello che si dice e quello che si fa: The Night Agent, Ginny & Georgia e The Glory, che occupano le prime 3 posizioni del file di Netflix e insieme hanno racimolato oltre 2 miliardi di ore di visione, non hanno certo beneficiato della visibilità che hanno avuto le varie Black Mirror 6, Stranger Things 4 o Squid Game. Di cui pure noi abbiamo scritto molto (qui, qui e qui) ma che, per avere un termine di paragone, stanno rispettivamente alla posizione 54 (140 milioni), 61 (133,6 milioni) e 120 (87,2 milioni).

Che significa tutto questo? Significa che il cosiddetto principio della maggioranza silenziosa, quella che fa e non parla di quello che fa, è valido anche per lo streaming: vediamo quello che ci va, ma non sempre lo diciamo in giro o lo raccontiamo. Quale che sia il motivo, va bene così, perché davvero i gusti sono personali ed è giusto guardare quello che si preferisce, al di là dei trend e di quello che i critici cinematografici o gli influencer dicono che si dovrebbe o non dovrebbe vedere.

E quindi non c’è niente di male se in questi giorni si sceglie di tralasciare Rebel Moon (anzi, forse è pure meglio) o se nel 2022 si è viceversa amato Gli Anelli del Potere, nonostante che a Elon Musk non fosse piaciuta. In attesa che Amazon ci dica qualcosa di più sulle ore di visione che ha davvero racimolato su Prime Video, ovviamente.

@capoema

 





Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Trasferta complicata per tanti aspetti

Trasferta complicata per tanti aspetti

Il delitto di By means of Poma, un dedalo infinito di ipotesi e sospetti – Notizie

Il delitto di By means of Poma, un dedalo infinito di ipotesi e sospetti – Notizie