in

#ioleggoperché, al via l’iniziativa per donare libri alle biblioteche scolastiche. E gli editori consegnano 4 mila volumi agli istituti alluvionati in Emilia-Romagna

#ioleggoperché, al via l’iniziativa per donare libri alle biblioteche scolastiche. E gli editori consegnano 4 mila volumi agli istituti alluvionati in Emilia-Romagna
#ioleggoperché, al via l’iniziativa per donare libri alle biblioteche scolastiche. E gli editori consegnano 4 mila volumi agli istituti alluvionati in Emilia-Romagna

BOLOGNA – Nella sua ottava edizione, #ioleggoperché, l’iniziativa a sostegno delle biblioteche scolastiche, ha scelto di supportare in modo particolare chi si trova a studiare in contesti fragili. L’associazione italiana editori (Aie) ha voluto così aiutare le zone alluvionate dell’Emilia-Romagna: nelle prossime settimane, per le oltre 600 scuole iscritte all’edizione 2022 di #ioleggoperché che si trovano nelle aree colpite dall’alluvione della scorsa primavera, arriverà una donazione speciale di libri. Saranno più di 4.000 i libri nuovi che verranno consegnati alle scuole. “Un piccolo grande segno per aiutarle a ripartire e a ricostruire le biblioteche scolastiche danneggiate” spiega l’Aie.

L’iniziativa #ioleggoperché ha coinvolto a livello nazionale più di 3,9 milioni di studenti, 25.394 scuole, 330 nidi, 3.609 librerie e 72.811 gemellaggi tra scuole e librerie. Quest’anno l’appuntamento è sino al 12 novembre: in questi giorni, dunque, i cittadini potranno andare nelle librerie aderenti al progetto e donare un libro per le biblioteche scolastiche.

“Una scuola italiana su due aderisce a #ioleggoperché – ha dichiarato il presidente Aie Innocenzo Cipolletta – Ci auguriamo che anche quest’anno sempre più cittadini vadano in libreria a donare libri per le biblioteche scolastiche. Oggi più che mai è fondamentale il gioco di squadra per far fronte al bisogno crescente di libri nelle scuole. È un bisogno certificato anche dai numeri. La ricerca sulle scuole aderenti alla scorsa edizione ci ha confermato che questa iniziativa ha un impatto importante: più di 1 biblioteca scolastica su 5 tra le 3.187 che hanno partecipato all’indagine è nata (o nascerà) infatti per effetto o grazie ai libri del progetto”.

L’indagine condotta dall’Ufficio studi Aie in base alle risposte di 3.187 scuole (su un totale di 23.240) aderenti all’edizione scorsa di #ioleggoperché, ha confermato il quadro ancora molto difficile delle biblioteche scolastiche italiane. Più di 1 scuola su 5 tra chi ha risposto (il 22,8% per la precisione) non aveva una biblioteca centrale o di classe a scuola prima di partecipare a #ioleggoperché. Circa il 21%, più di 1 biblioteca scolastica su 5, è nata (o nascerà) grazie al progetto: nello specifico, il 14,6% la aprirà in futuro grazie ai libri del progetto, mentre il 6,3% l’ha già aperta in virtù del suo contributo decisivo. Solo una quota residuale non l’ha ancora e non la creerà in futuro (1,7%).

Il 24,3%, circa 1 scuola su 4 di quelle che hanno partecipato all’indagine, indica come effetto di #ioleggoperché il miglioramento del prestito individuale. I bambini e i ragazzi si portano sempre più spesso a casa i libri.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iran, la nuova premio Nobel per la Pace Narges Mohammadi inizia lo sciopero della fame in carcere

Iran, la nuova premio Nobel per la Pace Narges Mohammadi inizia lo sciopero della fame in carcere

Eccellenza, cambia il direttore sportivo della Savignanese

Eccellenza, cambia il direttore sportivo della Savignanese