in

Caso Pierina: il figlio fu sollevato da ruolo nei Testimoni di Geova. Nuovi misteri familiari e nuovi interrogatori

Caso Pierina: il figlio fu sollevato da ruolo nei Testimoni di Geova. Nuovi misteri familiari e nuovi interrogatori
Caso Pierina: il figlio fu sollevato da ruolo nei Testimoni di Geova. Nuovi misteri familiari e nuovi interrogatori


BOLOGNA Si aggiunge un altro mistero a quello che circonda la morte di Pierina Paganelli. Un mistero che coinvolge anche la figura del figlio della donna di 78 anni, testimone di Geova, uccisa la notte del 3 ottobre scorso nel garage del condominio di via Del Ciclamino con 29 coltellate. Giuliano Saponi, 53 anni, sarebbe stato sollevato ad aprile dalla carica di “servitore di ministero” dei testimoni di Geova dopo una “relazione” pubblica della moglie Manuela Bianchi, la nuora che la mattina del 4 ottobre ha scoperto il cadavere di Pierina. I servitori di mistero per i testimoni di Geova sono cristiani esemplari e vengono scelti per le loro ottime qualità spirituali. Ad aprile di quest’anno, quindi, pochi giorni prima che rimanesse vittima di un pirata della strada (l’incidente è del 7 maggio), Giuliano era stato sollevato dall’incarico.

delitto di rimini

Pierina Paganelli: isolate tracce di Dna sul corpo e gli indumenti. Si stringe il cerchio intorno al suo assassino


Caso Pierina Paganelli: sentito un nuovo testimone chiave, è un condomino del padre di Loris e Manuela



Secondo quanto emerso dalle testimonianze raccolte dalla squadra mobile di Rimini, sarebbe stata Manuela a relazionare su alcuni comportamenti di Giuliano contro la famiglia, con conseguente reprimenda e perdita dell’incarico. Particolare che aveva sicuramente esasperato i dissidi tra la nuora Manuela e la suocera Pierina e finito per complicare i già difficili rapporti familiari. Il 7 maggio, quindi, Giuliano era finito travolto da un pirata della strada e lo scorso 10 ottobre sarebbe dovuto tornare a casa dopo una lunga convalescenza.

il giallo di rimini

La nuora, il figlio, l’altro. Il delitto di Pierina Paganelli è un intrigo di famiglia. “Conosceva il suo killer”



Ma una settimana prima, il 3 ottobre la madre era stata trovata cadavere proprio dalla nuora. Il clima teso tra i coniugi Giuliano e Manuela, non era un mistero neanche per i vicini di casa, Louis Dassilva, senegalese 34enne col quale la nuora avrebbe avuto una relazione, e la moglie Valeria Bartolucci. Proprio la Bartolucci, oggi alle 10, è tornata in Questura dopo l’interrogatorio a ‘sit’ di ieri terminato col sequestro di abiti e scarpe da ginnastica del marito Louis. Un’acquisizione che ad un mese di distanza dall’omicidio si sarebbe resa necessaria perché il senegalese non avrebbe consegnato alla polizia scientifica gli abiti che indossava il giorno dell’omicidio, ma altri vestiti. Se si sia trattato di una svista o di un atto volontario sarà appurato in successivi interrogatori. Il quadro investigativo rimane complesso In queste ore si sta facendo sempre più strada l’ipotesi di un omicidio con un duplice movente quello della vendetta personale e della ricerca di una giustizia punitiva e definitiva.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La guerra tra Israele e Hamas un mese dopo: cosa è successo finora e cosa potrebbe succedere

La guerra tra Israele e Hamas un mese dopo: cosa è successo finora e cosa potrebbe succedere

Partiti i lavori in via Bramante a Valverde: modifiche alla viabilità

Partiti i lavori in via Bramante a Valverde: modifiche alla viabilità