in

Gli influencer oltre Chiara Ferragni: chi seguono e che cosa cercano gli italiani sui social

Gli influencer oltre Chiara Ferragni: chi seguono e che cosa cercano gli italiani sui social
Gli influencer oltre Chiara Ferragni: chi seguono e che cosa cercano gli italiani sui social


Ci sono sempre più italiani che seguono almeno un influencer sui social, i più amati sono più o meno sempre gli stessi, ma gli argomenti che suscitano interesse sono meno scontati del previsto. E soprattutto prendono sempre più forza, anche nel nostro Paese, i cosiddetti influencer virtuali (cosa sono?).

In estrema sintesi, questo è quanto emerge dalla ricerca Italiani & Influencer, realizzata da BVA Doxa in collaborazione con Mondadori Media e Buzzoole su un campione di oltre 1300 intervistati, rappresentativi degli italiani di età compresa tra i 18 e i 54 anni.

Tutte le cifre

Il mercato italiano degli influencer vale 308 milioni: da Facebook a YouTube, ecco quanto si guadagna


Il cibo come argomento preferito sui social

Nel dettaglio, dall’indagine viene fuori che oltre 27 milioni di italiani adulti seguono almeno un influencer o i canali di un qualche brand editoriale (il dato è in crescita del 17% sul 2021): sono oltre il 70% degli utenti attivi sui social. Inoltre, il 57% del campione analizzato ha raccontato di seguire tutti i giorni un cosiddetto macro influencer o i canali di un brand editoriale (+20% in due anni), l’8% lo fa una volta alla settimana e soltanto il 5% ha detto di farlo raramente.

Ricordiamo che i macro influencer (qui ci sono le altre categorie) sono i profili di persone o aziende con almeno 100-300 mila follower (dipende dalla piattaforma) e riconosciute come autorevoli in 6 campi specifici: lifestyle, beauty, fashion, entertainment, food e wellness.

Con poca sorpresa, nel nostro Paese i primi 5 influencer per notorietà sono Chiara Ferragni (citata dall’86% del campione), seguita da Giallozafferano (72%) e dalla blogger Benedetta Rossi (72%); al quarto posto c’è ClioMakeUp (62%), seguita da Aurora Ramazzotti (60%).

Molto interessante, secondo gli autori della ricerca, il fatto che le tematiche più seguite sui social siano in qualche modo distanti dai trend che si ritrovano su altri media: al primo posto ci sono gli argomenti legati al cibo, insieme con entertainment e spettacoli (entrambi al 58%).

Perché si segue un influencer?

Se è vero che sempre più spesso si seguono le celebrità online anche per informarsi e avere notizie (qui i dati di una ricerca di fine 2022), è innegabilmente vero che gli influencer sono soprattutto seguiti in relazione agli acquisti. È così, che piaccia o meno.

E questo è in effetti quello che emerge dall’indagine: il 46% degli intervistati ha spiegato di avere fatto almeno un acquisto suggerito da un influencer e l’83% ne tiene in considerazione i consigli. Nel dettaglio, il 30% ha detto di ascoltarli molto o moltissimo, il 53% abbastanza e il 18% poco o per niente, soprattutto in relazione a beauty, food e fashion.

Quanto al concetto di informarsi, anche questo è in larga parte legato allo shopping: il 50% degli intervistati ha dichiarato di seguire gli influencer prima di tutto perché sono considerati esperti da cui ricevere informazioni, motivazione che è stata citata principalmente dagli appassionati di wellness (55%) e cucina (56%). In generale, gli influencer sembrano sempre più presenti in tutto il processo di acquisto: per il 56% degli intervistati sono come tutor nella spiegazione di un prodotto (specialmente in ambito beauty e wellness), per il 46% segnalano novità o fanno conoscere nuovi prodotti e per il 37% sono persone che indicano dove e quando acquistare qualcosa (in questi ultimi due casi, soprattutto in ambito fashion e lifestyle).

L’analisi

Ma gli utenti sono disposti a pagare per i social?



L’exploit di TikTok e l’arrivo degli influencer virtuali

Infine, poche sorprese dal gradimento delle piattaforme: TikTok è cresciuto tantissimo nell’ultimo paio d’anni, arrivando al 25% delle preferenze e addirittura al 30% quando si parla di puro intrattenimento (era al 9% nel 2021). In ogni caso, Instagram resta il social preferito da oltre il 75% degli intervistati.

Interessante, invece, il fatto che per la prima volta in assoluto nello scenario italiano sia emerso che ci sono oltre 3 milioni di persone che seguono almeno un virtual influencer, in particolare fra giovani e giovanissimi, i cosiddetti Millennial e Gen Z. Nello specifico: il 28% del pubblico di questi profili è composto da persone di 18-24 anni, il 34% da 25-34enni, il 24% da 35-44enni e il 14% da 45-54enni. E chi conosce e segue gli influencer virtuali lo fa in modo costante ogni giorno, come se fossero reali: il 57% degli intervistati ha raccontato di connettersi con loro quotidianamente, il 28% ogni 2-3 giorni, il 7% più o meno una volta a settimana, il 4% ogni 10-15 giorni e soltanto il 5% non ha una frequenza abituale.

@capoema

 



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ubriaco fugge al posto di blocco, viene inseguito tra diverse manovre pericolose: finisce arrestato

Ubriaco fugge al posto di blocco, viene inseguito tra diverse manovre pericolose: finisce arrestato

Sequestrate venti tonnellate di mandorle californiane con parassiti e muffe destinate al consumo umano. Il volto nascosto dell’industria alimentare

Sequestrate venti tonnellate di mandorle californiane con parassiti e muffe destinate al consumo umano. Il volto nascosto dell’industria alimentare