in

Samsung, torna la “fan edition”: Galaxy S23 FE, Tab S9 FE e Galaxy Buds FE offrono qualità a un costo accessibile


In attesa del nuovo Galaxy S24 – ci sono già rumors su un Unpacked Event a inizio gennaio 2024 – torna la “Fan Edition” di Samsung, una serie di dispositivi – in particolare smartphone e tablet – che l’azienda coreana ha introdotto tre anni fa per offrire versioni più economiche e accessibili dei suoi dispositivi top di gamma.

La strategia FE di Samsung è chiara: accontentare i fan e gli utenti che desiderano un’esperienza di alta qualità ma a un prezzo ridotto. Il tutto accettando qualche piccolo compromesso sulle performance.

Il giorno in cui è stata annunciata la nuova serie “FE” non sembra casuale: è lo stesso in cui Google ha presentato i nuovi Pixel 8, con la versione Pro che per la prima volta supera i 1000 euro. Sul mercato c’è ancora più spazio, insomma, per prodotti che offrano prestazioni da top di gamma a un prezzo più competitivo.

I nuovi dispositivi “Fan Edition” sono lo smartphone Galaxy S23 FE, i tablet Galaxy Tab S9 FE e S9+ FE e le cuffie Galaxy Buds FE.

Per chi ama gli smartphone Samsung, il Galaxy S23 FE – la versione “Fan Base” dell’ultimo Galaxy S23 uscito a gennaio scorso – è un gradito “ritorno”. Nel 2022, infatti, la serie “S22” non è stata accompagnata da un Galaxy S22 FE.

Rispetto al Galaxy S23, il Galaxy S23 FE offre un processore inferiore ma comunque valido, lo Snapdragon 8 Gen 1, e un display più grande da 6,4 pollici (una dimensione intermedia rispetto ai due top di gamma Samsung, 6,1 pollici per il Galaxy S23 e 6,8 pollici per il Galaxy S23 Ultra). Le fotocamere posteriori sono tre (la principale da 50MP, un ultra grandangolare da 12MP e un teleobiettivo da 8MP con zoom ottico 3x) a cui si aggiunge quella frontale da 10MP. La Ram a disposizione è di 8GB, mentre lo spazio di archiviazione può arrivare a 128 Gb o 256 Gb.

I nuovi Galaxy S23 FE sono anche resistenti alla polvere e all’acqua: sono quindi certificati IP68 al contrario dei Galaxy di fascia media come la serie “A”.

La batteria del Galaxy S23 FE è da 4.500 mAh, il sistema operativo è Android 13 e Samsung si impegna a offrire quattro aggiornamenti futuri di Android e cinque aggiornamenti riguardanti la sicurezza dello smartphone. I colori di questo nuovo dispositivo, che in Italia sarà disponibile nei prossimi mesi, sono interessanti. Quattro le colorazioni disponibili: Mint, Cream, Graphite e Purple.

Non sappiamo ancora quanto costerà il Galaxy S23 FE nel nostro Paese, ma quel che è certo è che all’estero viene venduto a 599 dollari, vale a dire una cifra inferiore di almeno 200 dollari rispetto al Galaxy S23. Il prezzo di questo dispositivo “Fan Edition” è significativo perché è più basso di 100 dollari rispetto a quanto costava, addirittura due anni fa, il Galaxy S21 FE. È il segno che Samsung ha imparato una lezione importante.

Quando il colosso coreano ha ripensato per la prima volta la serie Galaxy S, introducendo la “fan edition” del modello Galaxy S20, questo smartphone è stato accolto con entusiasmo. Samsung ha venduto più di dieci milioni di Galaxy S20 FE nel mondo, spingendo fortemente sul rapporto qualità-prezzo del dispositivo. Ma un anno dopo la strategia non ha funzionato allo stesso modo: il Galaxy S21 FE è stato lanciato a poche settimane dall’uscita dei nuovi Galaxy S22 e il prezzo è aumentato di 100 dollari, avvicinando un po’ troppo il costo della “fan edition” a quello dei top di gamma che sarebbero finiti a breve sul mercato.

Intervista

TM Roh, il creativo di Samsung che l’AI non potrà mai rimpiazzare: “Venderemo 30 milioni di pieghevoli entro il 2023”


Oltre al Galaxy S23 FE Samsung ha anche presentato il Galaxy Tab S9 FE, un tablet Android con display da 10,9 pollici, e il Galaxy Tab S9 FE+ con uno schermo più grande da 12,4 pollici. Entrambi i modelli hanno un refresh rate del 90Hz, la certificazione IP68 e uno slot per schede microSD per espandere la memoria.

Il nuovo Galaxy Tab S9 FE+

Il nuovo Galaxy Tab S9 FE+ 

Il Tab S9 FE offre 6GB di RAM e 128GB di memoria, o 8GB di RAM e 256GB di memoria. Il Tab S9 FE+, invece, parte da 8GB di RAM e 128GB di memoria e arriva fino a 12GB di RAM e 256GB di memoria. Entrambi i tablet includono nella confezione una S Pen per scrivere a mano. Le colorazioni disponibili sono quattro: Mint, Silver, Gray e Lavender. Questi tablet, a differenza del Galaxy S23 FE, sono già disponibili in Italia a un prezzo che parte da 549 euro.

Infine Samsung ha annunciato anche una “fan edition” delle sue cuffie wireless Galaxy Buds a un prezzo, per l’Italia, di 109 euro. Il design delle Galaxy Buds FE, dotate di tecnologia ANC (cancellazione attiva del rumore), ricorda quello delle Galaxy Buds Pro.

I nuovi auricolari Galaxy Buds FE

I nuovi auricolari Galaxy Buds FE 

Con la cancellazione del rumore attiva, Samsung sostiene che questi auricolari sono in grado di riprodurre musica per sei ore continuative. La durata dichiarata della batteria, senza ANC, è di 8,5 ore (che salgono a 30 ore se si tiene conto della ricarica che avviene quando i due auricolari vengono riposti nella custodia. Due i colori disponibili, piuttosto sobri: Graphite e White.

Economia circolare

Smartphone, pc, tablet ricondizionati fanno bene all’ambiente (oltre che al portafoglio)



Anche nel caso dei nuovi dispositivi FE Samsung è stata particolarmente attenta ai materiali impiegati. L’azienda coreana afferma che lo smartphone “Galaxy S23 FE comprende un’ampia varietà di materiali riciclati presenti nei componenti sia interni che esterni dei dispositivi, tra cui alluminio e vetro riciclati pre-consumo e plastica riciclata post-consumo ottenuta da reti da pesca dismesse, serbatoi per l’acqua e bottiglie in PET”.

L’impegno di Samsung per l’ambiente ci era già sembrato evidente nel corso del lancio dell’ultimo Galaxy Z Fold 5 e Galaxy Z Flip 5, i due pieghevoli top di gamma che l’azienda coreana ha “smembrato” nei giorni del loro lancio a Seul per mostrare quante parti dei due telefoni fossero realizzate con materiali riciclati.

Tech Test

Samsung Galaxy Z Fold 5 e Z Flip 5, la recensione: tra le mani un pezzo di futuro



La plastica all’interno dei dispositivi, l’alluminio delle scocche e anche i vetri che rivestono i display sono il frutto di un attento processo di recupero che va oltre la decisione – più visibile agli occhi – di non includere il caricabatterie nella confezione di un telefono o di scegliere un packaging più sostenibile.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Morra stende il Gubbio al 96′

La dirigente medica del 118: “Non avevo mai visto niente del genere. Abbiamo ingoiato le emozioni e fatto tutto quello che potevamo”