in

Siria, l’Isis conferma la morte del leader e nomina il suo successore


Un altro leader dello Stato islamico ucciso, un altro “Califfo” alla guida del gruppo. Quella che sembrava un’eccezione è divenuta la regola dell’Isis, che a differenza del passato annuncia la morte di un capo nominandone subito un altro, senza creare ulteriori aloni di mistero. Del resto la vera identità degli ultimi tre leader, compreso quello indicato oggi, è ancora sconosciuta, ammette l’ultimo report Onu sul terrorismo globale.

Siria, raid degli Usa uccide un leader dell’Isis: “Pianificava attacchi in Europa”


I cinque “Califfi”

E così al defunto quarto Califfo, Abu Hussein al-Qurashi, succede il quinto, Abu Hafs al-Qurashi. Prima di loro il capo storico e primo leader dello Stato islamico Abu Bakr al Baghdadi, seguito da Abu Ibrahim Hashimi al Qurashi (entrambi rimasti uccisi in raid statunitensi nel nord-ovest della Siria) e Abu al Hassan al Hashimi al Qurashi, ucciso lo scorso novembre. Il titolo “Qurashi” si riferisce al nome della tribù di Maometto alla quale deve appartenere il successore (in arabo: khalifa”, califfo) dello stesso profeta dell’Islam.

I dubbi sulla morte

La morte del leader Isis era stata annunciata a fine aprile dal presidente turco Recep Tayyp Erdogan. Il terrorista era stato “neutralizzato nell’ambito di un’operazione dell’intelligence turca” nelle vicinanze di Jindires, nel nord della Siria, dove l’uomo si nascondeva in una fattoria abbandonata.

Dieci anni senza padre Dall’Oglio, il gesuita che si è battuto per una Siria pluralista



Diverso il resoconto odierno dei jihadisti: Abu al-Hussein è rimasto ucciso in scontri diretti nel nordovest della Siria, nei pressi di Idlib, con le milizie del gruppo jihadista Hayat Tahrir al-Sham, branca qaedista nel Paese. Apparentemente dunque il gruppo punta l’indice contro il principale attore rivale sul fronte del terrorismo internazionale, al Qaeda, un tempo ridotta ai minimi termini di fronte alle conquiste territoriali dell’Isis in Siria e Iraq e di fronte ai tragici quanto micidiali attacchi del gruppo in Europa.

La figlia si arruolò nell’Isis, niente cittadinanza per il papà di Meriem Rehaily



Ma, rispetto al 2014, l’Isis può contare su numeri molto ridotti di combattenti, che seppur temibili sono costretti a organizzarsi in cellule di 10-15 elementi per sfuggire alla costante caccia delle intelligence di tutto il mondo. E nonostante l’Isis possa ancora vantare ingenti quantità di contanti, fino a 50 milioni di dollari in Siria e Iraq, i colpi ripetuti alla leadership stanno minando la capacità di fare cassa con nuove risorse e soprattutto allontanano i reclutamenti. L’organizzazione resta purtuttavia una minaccia, ammoniscono gli esperti, grazie al largo uso di nuove tecnologie e criptovalute e per la facilità con cui l’Isis riesce a fare breccia in Paesi instabili come quelli dell’Africa subsahariana o nello stesso Afghanistan, dove sfida a viso aperto il nuovo potere talebano.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nuorese, assassinato con tre colpi di pistola in pieno centro: muore 47enne con precedenti

“Non abbiamo più l’entusiasmo necessario”, si chiude l’esperienza dell’associazione Centro Anch’io