in

Abusi sulla nipotina, confermata la condanna per il nonno acquisito- Corriere.it


di Mara Rodella

Un pensionato che oggi ha 76 anni era finito a processo con la pesante imputazione di violenza sessuale aggravata sulla nipote da quando lei aveva solo 10 anni

La sentenza in primo grado era arrivata meno di un anno fa, il 31 maggio 2022. Quando cio la prima sezione penale condann a cinque anni e sei mesi un pensionato, che oggi ha 76 anni, finito a processo con la pesante imputazione di violenza sessuale aggravata — palpeggiamenti e non solo — ai danni della nipote acquisita (non diretta): l’avrebbe molestata sin da quando aveva appena dieci anni, fino al 2016, nei pomeriggi in cui, con frequenza periodica, veniva affidata ai nonni nella casa in citt. Ha sempre negato, sostenendo le accuse della ormai ragazza — con cui non avevo comunque un rapporto di confidenza — fossero frutto di suggestioni imboccate dalla madre, che non ho mai sopportato.

Sta di fatto che in secondo grado il copione non cambiato. La Corte d’appello — presidente Claudio Maria Gaetano Mazza — ha confermato la pena. L’imputato stavolta non era presente in aula. Lei, la ormai giovane donna pi che maggiorenne, stata ritenuta credibile, cos come genuina fu reputata la denuncia tardiva: scattata solo nel 2019 quando un ragazzino avrebbe cercato di baciare la parte lesa e lei, improvvisamente, si sarebbe bloccata tornando a quanto subito da piccola. Dopo la notifica della chiusura indagini, il nonno (e la moglie) avrebbero aggredito nipote e madre: per questa vicenda in corso un processo parallelo.

21 febbraio 2023 (modifica il 21 febbraio 2023 | 14:36)



Leggi di più su corriere.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’allarme esondazione era da lanciare prima

Luciano Floridi va a Yale: «Creare un ponte con l’università di Bologna. E la città diventi internazionale»