in

Vocali ma mettendoci la faccia: su WhatsApp arrivano i videomessaggi istantanei


“Ti mando un vocale di 10 minuti”, come cantava Tommaso Paradiso nel 2018, oppure adesso anche “ti mando un videomessaggio di 60 secondi”. Che è una cosa nuova che si può fare su WhatsApp, come annunciato da Mark Zuckerberg su Facebook. Con un video, ovviamente.

Da Meta hanno spiegato che “i videomessaggi sono un modo per rispondere alle chat e dire ciò che vuoi in 60 secondi” e che “crediamo che saranno un modo divertente per condividere momenti o dare una buona notizia”.

Chat

Controllo della Privacy e Silenzia le Chiamate: su WhatsApp arrivano due nuove funzioni utili


facebook: l’annuncio di Zuck sui videovocali

Come si usano i videomessaggi su WhatsApp

Come si capisce, si tratta appunto di un’evoluzione dei messaggi vocali che “hanno cambiato il modo di comunicare delle persone grazie alla possibilità di condividere la voce rapidamente e in sicurezza”.

Potremmo chiamarli videovocali e funzionano esattamente come i messaggi audio, nel senso che si possono mandare usando lo stesso comando: accanto al campo dove scrivere un messaggio di testo, si clicca sul microfono e lo si fa diventare una videocamera. Come per i vocali, a quel punto si può tenere premuto per registrare. oppure scorrere verso l’alto per bloccare e registrare il video automaticamente: una volta inviati, i videovocali vengono riprodotti in automatico nella chat di chi li ha ricevuti, però senza audio (che si può attivare toccando il video).

Da Meta hanno anche ricordato che anche “i videomessaggi sono protetti con crittografia end-to-end per garantirne la sicurezza” e soprattutto che “abbiamo iniziato a implementarli e nelle prossime settimane saranno disponibili per tutti”. Se ancora l’opzione non è attiva, insomma, è solo questione di tempo.

@capoema

 



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Emesse due interdittive antimafia dalla Prefettura nel settore dell’abbigliamento e delle costruzioni

Cosa è successo oggi 28 luglio: la cronaca della giornata