in

Il burlesque è rinato a Taranto: si accende la stella di Glissy Ribbon


diGabriele Bojano

Ha 27 anni e all’anagrafe si chiama Simona Solito la nuova diva dello strip di classe «Ogni spettacolo ispirato a celebri pittori, i miei genitori mi appoggiano da sempre»

Da grande vuole fare l’insegnante di disegno, nel frattempo però si laurea in pittura all’Accademia delle Belle Arti di Lecce, il prossimo 9 marzo, e qualche giorno prima si esibisce in uno dei suoi applauditi spettacoli di burlesque in provincia di Rimini. Segnatevi questo nome: Glissy Ribbon perché presto sentirete parlare di lei. Ventotto anni non ancora compiuti, dotata, come lei stessa dice, di «una sensualità naturale d’altri tempi». Simona Solito, questo il nome all’anagrafe, è una ragazza di Taranto che però vive a Lecce e che, dopo aver fatto la modella e la fotomodella per assecondare il suo egocentrismo, dal 2018 ha scoperto il burlesque e non lo ha più lasciato. «Ho partecipato a workshop con guest internazionali come Dirty Martini e The Chocolate Showboy – spiega – e ho vinto il primo premio al Salento Burlesque Festival 2022 e al Burlesque Factor 2022 all’Ellington club di Roma».

I «tableau vivant»

I suoi spettacoli si ispirano a celebri pittori e artisti. Al Mami Bistrot di Rivabella farà un personalissimo omaggio ai numerosi lavori sui tori di Pablo Picasso. «Sono tableau vivant di voluttuose pennellate», sorride lei, ammiccando. E i genitori? Cosa ne pensano? «Mi appoggiano da sempre – è la risposta serena – mia madre è molto aperta mentalmente, un po’ più difficile star dietro a mio padre nello spiegare le radici artistiche dello strip tease». E quali sarebbero le radici artistiche? «È una liberazione non solo dagli indumenti – spiega – ma anche dai modelli stereotipati che la società attuale vuole imporci». Qualche problema invece all’inizio l’ha avuto con Taranto: «Mi è sempre piaciuto mettermi in mostra e questo in un ambiente chiuso e un po’ restrittivo non è visto di buon occhio. Ora però le cose stanno cambiando e mi arrivano proposte di serate anche dalla provincia di Taranto. Insomma, sta nascendo una stella e noi abbiamo il privilegio di essere tra i primi a venirne illuminati.

Le metamorfosi

Ma perché il nome Glissy Ribbon? «In inglese Glissy Ribbon significa nastro lucido ed è un omaggio a una mia giovane amica, Claudia Giampietro, che ho perso nella tragedia nelle Gole del Raganello. Lei aveva un tatuaggio con un nastrino rosa e faceva il burlesque con me». La commozione dura un attimo, molto più lunga l’ambizione: «Voglio calcare i più grandi palcoscenici del mondo, credo di avere il giusto connubio tra bellezza, glamour e cultura». Il compagno, con cui Simona sta da quattro anni, è il primo a fare il tifo per lei e l’unico che ogni giorno assiste alla sua metamorfosi. «Passo le giornate senza trucco, in pigiama oppure indossando i maglioni larghi di lui. Poi però all’improvviso, quando esco, mi trasformo completamente ed esalto quel lato femminile che di solito amo nascondere».

La newsletter del Corriere del Mezzogiorno – Puglia

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Puglia iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

La newsletter del Corriere del Mezzogiorno

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Puglia iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

Instagram

Siamo anche su Instagram, seguici https://www.instagram.com/corriere.mezzogiorno/

03 marzo 2023 ( modifica il 03 marzo 2023 | 07:42)





Leggi di più su corriere.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Morto don Gianfranco Formenton, il sacerdote che scrisse davanti alla chiesa: «Ingresso vietato ai razzisti»

PostePay, risultati settore telco al 30 Giugno 2023: PosteMobile mantiene stabili le utenze – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia