in

Mc Donald’s, malori tra friggitrici e cucine per il caldo: lavoratori in sciopero a Bari e a Casamassima

Scioperano i lavoratori delle aziende RM e HB esercenti marchio McDonald’s: domani, domenica 23 luglio, la protesta con un presidio dalle 18,30 alle 20,30 davanti ai ristoranti di Bari, in via Sparano e dalle 21 alle 23 a Casamassima nel parcheggio nei pressi del locale. Lo sciopero è indetto da Filcams CGIL Bari e CGIL Metropolitana e Provinciale del capoluogo. La categoria è da anni che denuncia la mancanza di un sistema di aria condizionata adeguato nei ristoranti e soprattutto nelle cucine.

Le attuali temperature proibitive stanno determinando frequenti malori fra il personale. Friggitrici e macchine da cucina che già di per sé stesse determinano il raggiungimento di temperature elevate, in giornate in cui vengono abbondantemente superati i 40 gradi, rendono assolutamente necessario un impianto di areazione e di aria condizionata in grado di fronteggiare la situazione e garantire un microclima che preservi la salute dei lavoratori, così come previsto dalla normativa vigente.

La Filcams Cgil di Bari ha chiesto più volte e con insistenza anche l’intervento di soggetti pubblici preposti alla sorveglianza della salubrità dei luoghi di lavoro ma la carenza di organico che interessa queste amministrazioni, fa si che non si riescano ad avere interventi tempestivi per risolvere queste situazioni di criticità che ora stanno diventano drammatiche. “Non si può subordinare la salute dei lavoratori al profitto Chiediamo con urgenza la chiusura al pubblico nelle giornate da bollino rosso e relativo ricorso alla cassa integrazione per lavoratrici e lavoratori così come previsto dalle ultime disposizioni Inps fino a quando non sia possibile in intervento tecnico risolutivo”, scrivono Domenico Ficco, Segretario Generale Cgil Bari, e Antonio Miccoli, Segretario Generale Filcams Cgil Bari.



Leggi di più su repubblica.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Perché Meta ha scelto la massima trasparenza per la sua Ai (entrando nella strategia di Microsoft)

Zhuravliov, giornalista e militante: chi era il reporter russo ucciso in Ucraina