in

Via libera alla mappatura delle concessioni balneari, ma si prende tempo. Fino a fine 2024 niente bandi

Via libera dal governo alla banca dati, con il nuovo sistema di ricognizione, delle concessioni pubbliche comprese quelle balneari. È quanto ha stabilito il Consiglio dei ministri lunedì 17 luglio, che attua la delega della Legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021 in materia di regimi concessori di beni pubblici, compresa la mappatura delle concessioni balneari.

L’imperativo del governo è effettuare la mappatura delle concessioni demaniali, per appurare la non scarsità della risorsa spiaggia, prima di decidere il futuro delle attuali imprese balneari. Il governo Meloni è corso ai ripari per evitare una procedura di infrazione contro l’Italia, secondo la Direttiva Bolkestein, cioè il provvedimento del Parlamento europeo su concorrenza e libera circolazione dei servizi che prevede la messa a bando delle concessioni, e sulla quale è intervenuto anche il Consiglio di Stato. Perché i beni in questione, secondo il codice civile italiano, sono pubblici.

L’antefatto è ormai noto: con il decreto approvato in Camera e Senato e promulgato venerdì da Mattarella è stato disposto un nuovo rinvio fino al dicembre del 2024 della messa a bando degli stabilimenti balneari (con la possibilità di rendere le concessioni valide per tutto il 2025 “in presenza di ragioni oggettive che impediscono l’espletamento della procedura selettiva”). Sul tema, l’Italia non è in regola con le leggi europee.

Croatti critico

“A distanza di dieci mesi dall’insediamento del governo Meloni arriva il decreto attuativo che rende operativa la mappatura dei regimi concessori balneari. In quasi un anno questo esecutivo ha solo perso tempo, bloccando un settore nell’incertezza e decidendo di giocarsi un’unica carta per bypassare la direttiva Bolkestein e lasciare tutto così com’è: quella di convincere l’Europa che le spiagge italiane non siano una risorsa ‘scarsa’”. Così in una nota il senatore riminese del Movimento 5 Stelle Marco Croatti.

“Mentre si avvicina sempre più la scadenza delle attuali concessioni turistiche, stabilita per il 31 dicembre 2023 dal Consiglio di Stato, il governo scommette tutto, a partire dal futuro del comparto balneare e quello di tante piccole imprese, su una sorta di escamotage molto debole, che ha poche probabilità di convincere la commissione europea. In alcune regioni italiane, come l’Emilia Romagna una percentuale superiore all’80 per cento delle spiagge fruibili è in concessione a bagnini mentre il 20 per cento dovrebbe essere destinato alle spiagge libere. Percentuale per altro non rispettata. Una strategia difensiva che appare fragile e perdente. Il comparto balneare rischia di trovarsi a ridosso della scadenza delle concessioni senza che sia mai stato affrontato il tema delle gare, senza che se ne siano discussi i contenuti, i possibili rischi e le necessarie tutele per le micro imprese che avranno necessità di tempo per trovare finanziamenti e garanzie. E senza che i comuni siano pronti ad un carico di lavoro enorme per assegnare le concessioni”.

“Il governo Meloni sta gettando nel caos e distruggendo un settore fondamentale per il Paese; mettendo altresì a rischio le risorse del Pnrr e avvicinandoci a multe eurounitarie molto salate. Ma soprattutto getta via la straordinaria opportunità per cancellare privilegi, per restituire diritti ai cittadini su un bene comune e per rilanciare investimenti, innovazione, occupazione di un settore strategico per l’offerta turistica italiana. Un vero disastro”.



Leggi di più su rimini today

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Telemarketing, nuove misure a tutela dei consumatori: Ministro Urso incontra Presidente AGCOM – MondoMobileWeb.it | News | Telefonia

WormGPT, come l’intelligenza artificiale generativa può diventare un’arma del crimine informatico