in

Riccardo Farina e Christian Cornago erano amici dai tempi della scuola- Corriere.it


di Fabio Paravisi e Federico Rota

Avevano 38 e 35 anni, di Alm. Forse erano in cordata e uno avrebbe trascinato l’altro. successo nella tarda mattinata di sabato 25 febbraio nel Lecchese. Mercoled alle 9.30 i funerali, proclamato il lutto cittadino

Amici da sempre, due vite che per tanti anni sono scorse una a fianco dell’altra: stessi amici, stesso bar, vacanze insieme e anche due appartamenti sullo stesso pianerottolo. E insieme, quelle due vite sono finite, nel modo peggiore, con uno dei due amici che caduto in montagna trascinando l’altro in un’interminabile caduta di centinaia di metri.

Christian Cornago, 35 anni, e Riccardo Farina, 38 anni, vivevano ad Alm. Christian era figlio del titolare della pizzeria Il trancio 2.0 di via Papa Giovanni. Ma mentre il fratello e la sorella sono entrati nell’attivit di famiglia, lui ha preso la patente da camionista e ha cominciato a viaggiare. Lavorava per una ditta di trasporto bestiame, a volte si limitava a spostare le mucche tra l’alpeggio e la pianura, ma il pi delle volte partiva per la Francia il luned mattina e tornava il venerd. Riccardo si era invece diplomato perito chimico e lavorava per un’azienda farmaceutica. Era appassionato di degustazioni enologiche. E anche a lui piaceva viaggiare, sempre con il suo amico Christian: la scorsa estate erano stati in Sudafrica. Due vite che procedevano allo stesso passo: quando, poco pi di un anno fa, uno dei due ha acquistato un bilocale nel grande complesso di piazzetta Incontri, l’altro ha fatto lo stesso poco dopo. Stesso pianerottolo, numero 26, terzo piano. Anche le cassette della posta con i loro nomi sono una sopra l’altra.

Continuavano a fare battute sul fatto di vivere vicini — racconta un’amica —. Uno diceva all’altro: “Verr a chiederti il sale”. Nelle mattine del fine settimana si aspettavano anche per fare colazione insieme, al bar Opera lab, proprio sotto casa.

E quando Riccardo ha iniziato ad andare in montagna, circa cinque anni fa, alla fine Christian ha deciso di seguirlo, lo scorso anno. Dopo ogni scalata venivano sempre qui a bere qualcosa — dicono all’enoteca Fior di Vite, non lontana dalla pizzeria Cornago, che i due hanno frequentato insieme per molti anni —. Erano sempre allegri, raccontavano di tutto. L’escursione di sabato stata l’ultima.

I due amici sono morti mentre affrontavano uno dei passaggi pi difficili della variante Zucchi, a sinistra del canale Ovest che porta in cima alla Grigna Settentrionale, nel Lecchese. Lo stesso punto dove una settimana fa aveva perso la vita un alpinista milanese. Poco dopo mezzogiorno i due amici stavano scalando il canalone che arriva al rifugio Brioschi, a 2.200 metri di quota. La tragedia avvenuta in un punto particolarmente stretto prima della cima: uno dei due sarebbe scivolato trascinando con s l’altro nella caduta. A poca distanza stavano salendo altri due alpinisti, uno di loro un volontario del Soccorso alpino. Quando non ha pi visto i due uomini che lo precedevano ha capito che era successo qualcosa. Si calato per cinquanta di metri nel punto dove la via si stringe e li ha chiamati senza ottenere risposta. Allertata la centrale, da Como arrivato l’elicottero del 118. E dopo alcuni sorvoli sono stati avvistati i corpi senza vita dei due amici. Erano alla base del canale, con ancora piccozza e ramponi. Insieme.

I corpi sono stati recuperati solo nel tardo pomeriggio e portati all’ospedale di Lecco, da dove dovrebbero essere spostati nella giornata di oggi. Il padre di Christian Cornago ha chiamato a lungo il cellulare del figlio e, visto che non otteneva risposta, ha capito che era successo qualcosa. In serata molti amici si sono trovati con il padre di Christian davanti alla pizzeria, dove era stato affisso il cartello Chiuso per lutto.

I genitori di Riccardo Farina, che vivono ad Alm in via Raffaello Sanzio, si trovavano al mare con il nipotino, figlio della sorella di Riccardo, e ancora ieri sera non avevano capito la dinamica della tragedia: Non sappiamo ancora cosa sia successo, eravamo lontani da casa. Ci hanno avvisato dell’incidente e siamo tornati, ma ormai non era possibile accedere all’ospedale di Lecco. I funerali dei due amici saranno celebrati mercoled alle 9.30 nella chiesa parrocchiale di Alm, preceduti alle 9 dalla veglia. Per lo stesso giorno l’Amministrazione comunale ha proclamato il lutto cittadino.

25 febbraio 2023 (modifica il 27 febbraio 2023 | 18:52)



Leggi di più su corriere.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Merce contraffatta all’aeroporto Marconi: in un anno 3,5 tonnellate nascoste nei bagagli

Fonzaso, schianto frontale in galleria: muore ex dipendente comunale