in

Siccità sul Garda, l’Isola dei conigli finisce sui giornali tedeschi- Corriere.it


di Valerio Morabito

Qualche curioso arriva ancora, ma il lieve innalzamento del lago (grazie alla riduzione del deflusso e non certo delle piogge) ha ridotto quello che pu essere considerato il fenomeno del momento. Intanto l’Isola di Manerba finita sui quotidiani tedeschi

Qualche turista della siccit arriva ancora nelle vicinanze dell’Isola dei conigli, ma rispetto ad una settimana fa sono in evidente diminuzione. Complice il lieve innalzamento del Garda, non per le piogge ma per la riduzione del deflusso passato da 14 ad 8 metri cubi al secondo, che ha quasi sommerso la striscia di sabbia che collega l’isolotto di Manerba alla zona di porto Torchio, i curiosi sono di meno. Nonostante ci la vicenda dell’Isola dei conigli raggiungibile a piedi in pieno inverno ha incuriosito anche i media internazionali. E’ il caso del quotidiano tedesco “Frankfurter Allgemeine Zeitung”, che con tanto di drone ha fotografato l’Isola dall’alto e ha parlato di nuova attrazione turistica, descrivendo le attivit commerciali del posto che hanno riaperto i battenti, in un periodo dove di solito sono chiuse, proprio per l’importante afflusso di curiosi arrivati anche dal Trentino.

L’Isola dei conigli finita anche sul quotidiano bavarese “Mnchner Merkur”, dove stato fatto un focus sulla siccit da Venezia al Garda. I media tedeschi, considerando il consistente numero di turisti che arrivano ogni anno sul Benaco, si sono dimostrati sensibili al tema. Come anche “Tagesschau”, ovvero il principale notiziario di “Das Erste”, primo canale televisivo della “Ard”, ha affrontato il tema siccit nel Nord Italia e in particolar modo sul Garda.

28 febbraio 2023 (modifica il 28 febbraio 2023 | 14:50)



Leggi di più su corriere.it

Written by bourbiza mohamed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vertenza Jabil, licenziamenti bloccati per altri tre mesi ma resta l’incertezza

Bologna, nelle periferie ci si ammala di più: le mappe delle fragilità tra i quartieri